In tante città italiane si può PAGARE sul BUS con il CONTACTLESS: perché Milano ritarda?

Molte città italiane hanno implementato questo servizio da tempo. Vediamo la situazione a Milano

Credits Atm - Bancomat contactless Bus

Molte città italiane hanno implementato questo servizio da tempo. Milano, nonostante la rete più estesa di trasporto pubblico del Paese, è ancora al palo, con solo tre linee dove è possibile pagare con carta di credito e bancomat. Vediamo la situazione.

In tante città italiane si può PAGARE sul BUS con il CONTACTLESS: perché Milano ritarda? 

# Cresce il numero della città in cui si può pagare il biglietto sul bus con il bancomat

Credits mole24- Bus elettrici Torino

Torino è solo l’ultima città in ordine di tempo ad adottare la modalità di pagamento contactless con bancomat per l’acquisto dei biglietti del traporto pubblico direttamente sul bus. Da tempo infatti è possibile a Bergamo, Bologna e Firenze, ma anche a Parma, Brescia, Ravenna e a breve in tutte le città dell’Emilia Romagna. I vantaggi sono il minor consumo di carta e di contante da parte degli utenti, che non saranno quindi obbligati ad acquistare un biglietto nelle rivendite autorizzate. 


# A Milano è possibile pagare contactless solo su 3 linee

Credits Atm – Bancomat contactless Bus

Milano, fatto salvo i tornelli della metropolitana, è in forte ritardo su questo tipo di tecnologia. Ad oggi è possibile pagare tramite carta di credito o bancomat direttamente su sole 3 linee di autobus, 56, 70 e 73, che tra l’altro non sono tra quelle più utilizzate.

Tenendo conto che Milano ha la rete di tram più estesa d’Italia, e tra le prime in Europa, e anche quella più capillare di bus e filobus non si spiega come l‘Atm e l’amministrazione milanese non siano ancora state in grado di implementare questo servizio su gran parte dei mezzi pubblici.

La città dell’innovazione e della nuova filosofia sostenibile, non può permettersi questo tipo di ritardi, soprattutto in attesa dei nuovi flussi di turisti. 



Continua la lettura con: Nuova data per l’INAUGURAZIONE della M4: che sia la volta buona?

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittasto.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteSulle autostrade liguri ancora il CAOS
Articolo successivoIl giardino NASCOSTO di via Padova potrebbe SPARIRE per sempre
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.