Dopo Parigi, le 5 CITTÀ STRANIERE da collegare a Milano con un treno d’alta velocità

Milano potrebbe avere 5 nuove sorelle


Appena inaugurata la tratta di alta velocità tra Milano e Parigi, viene ancora più voglia di estendere ad altre città il collegamento superveloce con Milano. In un sondaggio abbiamo chiesto: “Dopo Milano Parigi in sei ore quale altre città straniera vorresti collegata con un treno d’alta velocità?”. Ecco le città più votate.

Dopo Parigi, le 5 CITTÀ STRANIERE da collegare a Milano con un treno d’alta velocità

#5 Praga, dalla Madonnina alla capitale della magia nera

 
Credits Pexels-Pixabay – Praga

Tra le città che i milanesi vorrebbero raggiungere con l’alta velocità c’è Praga, una delle capitali più affascinanti d’Europa. La città d’oro e delle cento torri è custode di un passato glorioso, di architetture preziose e grandi suggestioni, un luogo dove Oriente ed Occidente si incontrano e dove diverse religioni, filosofie e correnti artistiche creano un incredibile mix. E’ anche una capitale della magia nera su cui grazie all’alta velocità potrebbe esercitare il suo angelico influsso la Madonnina. In 7 ore si potrebbe arrivare. 


#4 Amsterdam, dai Navigli ai Canali

Credits 1919021-pixabay – Amsterdam

Amsterdam rappresenta una meta perfetta per creare una linea d’alta velocità intitolata all’acqua. Dai Navigli ai canali, dal Mediterraneo al mare del Nord. Un collegamento che potrebbe ispirare Milano nelle strategie di città bike friendly e a un’apertura mentale che non guasta mai. In 7 o 8 ore si potrebbe passare da Brera al red light district. 

#3 Berlino, dal Duomo al Dom

Credits jiriposival0-pixabay – Berlino

Come il capoluogo lombardo anche Berlino è stato un simbolo di rinascita del suo Paese, dopo i bombardamenti della seconda Guerra Mondiale, ed è riuscita a diventare la città delle start-up e una delle mete preferite dai turisti. Dal Duomo al Dom passando negli antichi territori del Sacro Romano Impero, Milano così potrebbe riportarsi nel cuore dell’Europa. La durata del viaggio sarebbe di circa 8 ore per coprire 1.000 chilometri. 

#2 Vienna, il ritorno al suo passato agrodolce

Credits Mike_68 -pixabay – Vienna

Vienna ha sempre avuto un legame speciale con Milano e i milanesi, dai tempi dell’Impero Austro-Ungarico e parte della sua storia è ancora indissolubilmente legata. Il Teatro alla Scala e l’Accademia di Brera sono alcuni dei lasciti di Maria Teresa d’Austria. Non stupisce vederla quindi tra le prime città straniere da collegare con l’alta velocità a Milano. In 7 ore si potrebbe ballare il Valzer. 



Leggi anche: 10 COSE in cui MILANO è rimasta AUSTRIACA

#1 Barcellona, il mare di Milano 

Credits 3856969-pixabay – Barcellona

In cima alle preferenze troviamo Barcellona. La capitale della Catalogna si piazza al primo posto tra le città straniere da collegare con un treno dell’alta velocità a Milano. Il clima mite, il sole, la storia, la sua struttura geometrica, lo spirito di indipendenza e la metropolitana che arriva direttamente al mare sono solo alcune delle cose che i milanesi amano della città. Proprio il mare potrebbe essere il vero sogno di Milano, in una linea che potrebbe toccare Costa Azzurra, Marsiglia fino a fiondarsi sulle ampie spiagge catalane. Si potrebbe arrivare entro le 10 ore, sempre che non ci siano rallentamenti in Liguria. 

Continua la lettura con: Da MILANO a PARIGI in FRECCIAROSSA: “Un sogno che diventa realtà”

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteI VOLI AEREI da RECORD del mondo: il più breve dura solo 53 SECONDI
Articolo successivoCome si dice SHAKERATO in milanese?
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here