ATM li cerca ma non li trova: PERCHÈ a Milano NESSUNO vuol più fare il TRANVIERE? Ecco i 5 MOTIVI

"Da grande voglio fare il posto fisso". Ma non a Milano

Credits Andrea Cherchi - Tram

Oggi a Milano non sembra più esserci il mito del posto fisso. Almeno per certi posti. Ad esempio, pare che nessuno voglia più lavorare ad Atm. Quali potrebbero essere i 5 motivi.

ATM li cerca ma non li trova: PERCHÈ a Milano NESSUNO vuol più fare il TRANVIERE? Ecco i 5 MOTIVI

# Nessuno vuole più lavorare per Atm

Credits: @amilanopuoi
Piazza Cordusio

Da grande voglio fare il posto fisso, diceva il piccolo Checco Zalone nel film “Quo vado”. E una volta ottenuto – impiegato nell’ufficio provinciale licenze caccia e pesca –  lo ha difeso a tutti i costi, anche accettando trasferimenti assurdi, dalla Val di Susa a Lampedusa, per finire al Polo Nord. 


Oggi a Milano non sembra più esserci questo mito. Contratto sicuro, tempo indeterminato, ferie e malattia pagate sembrano non interessare più i milanesi. L’Atm ha lanciato per il secondo anno una campagna assunzioni che prevede l’inserimento di 650 nuove risorse, ma fatica a reperirle. Lo ha ribadito il suo direttore generale, Arrigo Giana, in una recente commissione trasporti comunale. E per invogliare si sta pensando abbassare la “barriera all’ingresso” in azienda: che, in soldoni, significa agevolazioni per gli affitti e un parziale rimborso dei costi sostenuti per avere patente e abilitazione ministeriale per trasportare i passeggeri su bus, tram e metrò. 

Del totale dei profili ricercati non tutti dovranno mettersi alla guida di un mezzo: nei desiderata della società di Foro Buonaparte ci sono anche un centinaio tra operai e tecnici di manutenzione che andranno ad occuparsi dei sistemi di segnalamento, delle sottostazioni elettriche di alimentazione della metropolitana, degli impianti della rete aerea di tram e filobus. Certo che la parte del leone sono i tranvieri, i conducenti di bus e macchinisti della metropolitana.

Ma perché i milanesi non vogliono più fare questi mestieri, condurre questi mezzi, candidarsi per aggiudicarsi il posto fisso? 



Proviamo, in maniera semiseria, a fare cinque ipotesi.

#1 Voglia di immagine: meglio fare l’influencer che guidare un tram

Sotto la madonnina ormai la voglia più grande è di diventare influencer. Di aprire e chiudere la manetta del tram o di buttarsi nella giungla delle strade milanesi con un bestione di 18 metri non se ne parla nemmeno. Magari facendo, con disciplina e dedizione, dei video idioti si può diventare un tik toker di successo. Oppure si può cercare di sbancare facendo educational per youtube

#2 I milanesi puntano al business

Credits: it.freepik.com

I milanesi, si sa, puntano al business, a sentirsi in call, ad organizzare meeting per fare summit e planning su come fare girare il grano. Il tranviere, nonostante riceva puntualmente il bonifico al 27 del mese, di danèe non è che ne riempia i forzieri. 

#3 Reddito di cittadinanza, disoccupazione e anni sabbatici hanno tolto la voglia di lavorare

L’onda lunga del covid potrebbe aver spento la fiammella della passione per il lavoro dei giovani meneghini. Tra smart working e reddito di cittadinanza, tra disoccupazione e anni sabbatici de laurà g’hann minga vöja. La grotta (non quella di Platone ma quella che aveva evocato il primo cittadino, Beppe Sala) è comoda, calda, sicura, rassicurante, dotata di wifi  e, tutto sommato, piacevole. Perché mai dovrebbero abbandonarla?

Leggi anche: Sala contro lo Smart working: “torniamo al lavoro”

#4 Una fetta dei ragazzi sono seguaci di Greta: vogliono guidare una flotta full-electric. Oppure andare a piedi

Ufficio Stampa Atm – Deposito bus Electric

Ipotizziamo che una buona fetta dei ragazzi diplomati siano seguaci di Greta. Non tollerano quindi mettersi alla guida di mezzi inquinanti, che producono CO2 in eccesso e dissipano in maniera spregiudicata del calore in atmosfera. Pensano: solo quando tutta la flotta di Atm sarà completamente elettrica, o meglio, full electric, potrò salirci sopra. Ma non sanno che già oggi più dell’70% del servizio di trasporto pubblico di Milano usa come fonte energetica la corrente (e solo da fonti rinnovabili, off course). E che entro il 2030 tutti i 1200 bus che escono dai depositi saranno elettrici. 

Leggi anche: GREEN WALL e BOSCO URBANO: le novità di ATM per il futuro di Milano

#5 Una forma di resistenza: i milanesi vogliono provocare il Ministro della Pubblica Amministrazione

Ultima ipotesi: i giovani milanesi vogliono provocare i loro subdoli nemici. Il ministri Brunetta e la ex Fornero, il primo ha dato dei fannulloni agli statali in smart working e la seconda aveva chiamato bamboccioni i diplomati e laureati italici che a suo giudizio stavano troppo sotto la gonnella di mammà. I milanesi vogliono provocare le due alte istituzioni politiche, vogliono che si accorgano di loro e vengano messi al centro di una delle loro mirabolanti invettive sociali.

Un po’ come ai tempi degli austriaci: dallo sciopero del fumo si è arrivati alle barricate delle 5 Giornate. Accadrà anche con il rifiuto del lavoro?

Continua la lettura con: Milano, SMART PARK: telecamere e sensori per “regolare” il posteggio. Aiuto ai cittadini o scenario orwelliano?

LEONARO MENEGHINO

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


2 COMMENTI

  1. Posso sapere sulla base di quale sondaggio o analisi avete pubblicato le motivazioni citate all’articolo “ATM li cerca ma non li trova: PERCHÈ a Milano NESSUNO vuol più fare il TRANVIERE? Ecco i 5 MOTIVI”? Vi ringrazio.

  2. Se il motivo 4 fosse reale, ci sarebbe da essere preoccupati per il futuro di questo disgraziato paese.

Comments are closed.