Riapre la DOMUS AUREA: la straordinaria reggia di NERONE

Il tocco di una celebre archistar milanese su un'opera millenaria

credits: @grand_tour_international_roma

Riapre quella che doveva essere la sfarzosa residenza di Nerone, che cadde vittima dell’odio nei suoi confronti.

Riapre la DOMUS AUREA: la straordinaria reggia di NERONE

# La Domus Aurea riapre RINNOVATA

credits: @passeggiandoconsilvia

Dal 23 giugno, la Domus Aurea, voluta da Nerone, ha riaperto i battenti, con un nuovo ingresso, opera dell’archistar Stefano Boeri.


I sensi le faranno da padrone, anche come “rilancio” della fruizione artistica, con luce, ombre e calore, oltre che musica in tempo reale, a suggello del legame tra passato e futuro, simboleggiato anche dal nuovo ingresso.

# Un po’ di storia della Domus Aurea

credits: romanoimpero.com

Dopo l’incendio del 64 d.C. (che alcuni gli imputarono), Nerone decise di costruire una struttura che doveva fargli da residenza, il cui sfarzo doveva restare nei secoli. Così non è stato; l’odio per Nerone fece sì che la Domus Aurea (che si sviluppava su due colli di Roma, Palatino ed Oppio, aveva un lago artificiale e diverse soluzioni architettoniche molto innovative) venisse distrutta ed in parte riempita di terra, così da fornire fondamenta e materiali per altre costruzioni.

Curiosamente, fu proprio questa decisione (che ha reso visitabili solo i resti sul colle Oppio) a rendere il luogo affascinante, soprattutto ad alcuni pittori del XV secolo, tra i quali Pinturicchio e Raffaello, che presero a calarsi in quelle che ormai erano diventate grotte e che ospitavano i resti della Domus Aurea. Fu proprio il geniale pittore urbinate a “riprendere” le decorazioni che aveva visto nei resti della Domus Aurea e ad incorporarle in uno stile proprio.



# I percorsi interattivi per visitare la Domus Aurea

credits: techprincess.it

Probabilmente, la riapertura della Domus Aurea servirà anche a sperimentare gli strumenti interattivi più efficaci a corredo dell’esperienza dei visitatori. Si tratta certamente di un ottimo punto di (ri)partenza per il turismo in Italia.

Continua a leggere con: Le vacanze al MARE degli ANTICHI ROMANI: queste erano le località più ambite

ANTONIO ENRICO BUONOCORE

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.