A ROMA c’è un orologio che segna la FINE DEL MONDO: quanto tempo ci rimane?

Quanto manca al giorno del Giudizio?

credits: linzichalmers su IG

L’apocalisse è vicina. Così, anche Roma prende parte all’iniziativa e fa installare un orologio che ne segna l’inizio. Tuttavia, quest’orologio sembra andare più veloce del normale.

A ROMA c’è un orologio che segna la FINE DEL MONDO: quanto tempo ci rimane?

# Il giorno del GIUDIZIO

credits: linzichalmers su IG

Un orologio gigantesco è comparso in via Cristoforo Colombo, a Roma, e ci mette di fronte all’allucinante verità: la nostra fine sta per arrivare.  Si chiama Climate Clock ed è un’installazione che ha già fatto la sua comparsa in altre grandi città del mondo, come New York e Glasgow. La sua particolarità è che, invece di segnare l’orario normale, segna il giorno in cui avverrà l’apocalisse.


# La Terra ci sta dando l’ultima CHANCE

credits: affaritaliani.it

L’iniziativa nasce in occasione della giornata mondiale dell’ambiente ed ha lo scopo di sensibilizzare, e forse mettere anche un po’ paura, sul cambiamento climatico e i gravi danni che le azioni dell’uomo e le sue attività inquinanti stanno creando al nostro Pianeta. Lo scopo è, quindi, spingere le persone a comprendere la gravità della situazione e agire al più in fretta per frenare l’aumento della temperatura media della Terra.

# Il COUNTDOWN della Terra

credits: @lifegate su IG

Sei anni e sette mesi è il tempo che ci rimane per fermare la fine del mondo e salvare il pianeta Terra dall’azione distruttiva dell’uomo, che non conosce eguali. Il 1 Gennaio 2028 è il giorno in cui terminerà il conto alla rovescia, iniziato lo scorso settembre, considerato come il punto di non ritorno.

Il conteggio si basa su numerosi calcoli condotti dall’ONU per poter capire cosa ne sarà di noi se il tasso di emissioni di CO₂ rimane invariato prima di raggiungere l’aumento delle temperature di 1,5° C (ovvero il limite massimo che potremmo raggiungere).



Continua a leggere con: “Che ora è?”. A Milano ogni OROLOGIO PUBBLICO risponde in modo DIVERSO

SELENE MANGIAROTTI

Leggi anche: Variante Delta, 3 cose che non si capiscono. E nessuno è responsabile (ovvio)

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.