Palazzo Italia, la TRASFORMAZIONE dopo Expo

Come è stato trasformato il palazzo simbolo di Expo

Credits luigitradani IG - Interni Human Technopole

Durante Expo2015 l’edificio è stato il Padiglione Italia, ospitando un percorso espositivo sulle bellezze e la creatività del nostro Paese. Oggi è il fulcro di uno tra i più importanti centri di ricerca internazionale. Ecco come è stato trasformato e il futuro dell’area circostante.

Palazzo Italia, la TRASFORMAZIONE dopo Expo

# L’edificio simbolo di Expo2015

Palazzo Italia è stato il Padiglione italiano durante l’Expo 2015. Concepito come un oggetto geometricamente complesso, un solido cavo sospeso su una piazza che attacca a terra per mezzo di grandi basamenti scultorei e da quattro grandi stecche, si sviluppa per 35 metri d’altezza e 14.400 mq di superficie su un piano interrato, 5 piani fuori terra ed una terrazza panoramica. Al suo interno tre livelli erano erano adibiti a sito espositivo, dedicati al potere della bellezza e del futuro per sottolineare il potenziale e la creatività dell’Italia, i restanti a sede delle strutture dirigenziali dell’organizzazione.


# La trasformazione per ospitare la sede istituzionale di Human Tecnopole

Credits luigitradani IG – Interni Human Technopole

L’edificio che ospitava il Padiglione Italia è stato l’unico ad essere pensato per rimanere dopo l’esposizione universale, senza ricostruzioni o demolizioni, in base all’accordo di programma. A dicembre 2017, dopo un paio di mesi di lavori di ristrutturazione interni, un piano di Palazzo Italia fu adibito a sede dello Human Technopole per ospitare i primi dipendenti. A Novembre 2019, dopo la conclusione della ristrutturazione di tutto l’edificio, fu inaugurato ufficialmente la sede istituzionale nel nuovo polo di ricerca sulle tecnologie in grado di garantire una terza età sempre più in salute e cure mediche sempre meno invasive. Lo spazio ristorante, l’auditorium, la terrazza panoramica e la corte interna non sono state interessate dai lavori. Durante il 2021 sono stati superate le 100 persone impiegate nella sede, tra ricercatori, manager e addetti.

# Entro il 2026 sarà completato tutto il centro di ricerca

Credits jpius.it – Human Technopole

Attorno a Palazzo Italia procede la riqualificazione di vecchi edifici, in aggiunta alla costruzione di nuovi, che consentirà di completare lo Human Technopole entro il 2026. In totale, oltre a Palazzo Italia, sono previsti altre quattro strutture:

  • gli Incubator labs distribuiti su tre edifici, operativi dalla metà del 2021;
  • il North Pavillon che ospita i microcospi crio-elettronici e ottici, già in funzione da quest’anno;
  • il South Pavillon che ospiterà laboratori sperimentali di ricerca;
  • il South Building, l’edificio principale del campus di Human Technopole, che metterà a disposizione laboratori per 800 scienziati e sarà l’ultimo ad essere realizzato.

Nel nuovo campus di ricerca lavoreranno a regime circa 1.500 gli addetti.



Leggi anche: In arrivo 400 MILIONI DI EURO per lo sviluppo di MIND nell’ex area EXPO

Continua la lettura con: La STELLA che ha reso il Castello Sforzesco INESPUGNABILE

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLe COSE più ODIATE a Milano
Articolo successivoIl pifferaio magico
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.