La RAMBLA VERDE di CRESCENZAGO: i rendering del progetto vincitore per la trasformazione del quartiere

Un radicale processo di trasformazione ai confini di Milano. E c'è pure una fermata della metro che cambierà nome

Credits Dalla Bruna Fb - Crescenzago 1

Una nuova porta d’accesso verde al Parco Lambro e un progetto di social housing daranno nuova vita al quartiere nel quadrante nord-est della città. E la metro potrebbe cambiare nome. Ecco il progetto nel dettaglio con i rendering.

La RAMBLA VERDE di CRESCENZAGO: i rendering del progetto vincitore per la trasformazione del quartiere

# Il progetto vincitore del bando “Reinventing Cities” è “Green Between”

Credits Dalla Bruna Fb – Crescenzago 4

È stato un team multidisciplinare a presentare il progetto vincitore al secondo bando internazionale di “Reinventing Cities” per l’area di Crescenzago. Capofila la “Redo SGR società benefit e composto dagli architetti Camillo Botticini e Matteo Facchinelli dello studio ARW per la progettazione architettonica, AG&P per lo studio del paesaggio, la società Stantec S.p.A. in qualità di esperti ambientali e la Fondazione Housing sociale per lo sviluppo identitario e sociale della futura comunità di residenti.” Il nome è “Green between tessiture urbane” e prevede una nuova porta d’accesso verde al Parco Lambro e un progetto di social housing ad elevata sostenibilità.


Leggi anche: Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

# Cosa prevede il progetto di riqualificazione: un nuova piazza, 360 abitazioni a impatto zero e aree commerciali per la comunità

Credits Dalla Bruna Fb – Crescenzago 1

L’area di intervento è un’area di parcheggio scarsamente utilizzata di circa 15.000 mq, nei pressi della sede della casa editrice RCS Mediagroup S.p.A. e non distante dall’Ospedale San Raffaele. Verranno realizzati una grande piazza del mercato di fronte alla fermata della metro di Crescenzago e circa 360 alloggi abitativi, di cui il 75% in locazione a canone convenzionato destinati a giovani e famiglie, con aree destinate alla vita pubblica e commerciale al servizio della comunità al piano terra.

Credits Dalla Bruna Fb – Crescenzago 2

L’intervento edilizio punta a raggiungere la carbon neutrality con edifici che puntano a migliorare gli standard previsti per gli NZEB (Nearly zero energy building). Inoltre i residenti utilizzando l’app Redo potranno monitorare digitalmente l’impatto delle emissioni in atmosfera delle proprie attività quotidiane. Oltre a questo nel percorso tra la stazione e la piazza ci sarà spazio per una “vasta area attrezzata come campo da gioco teatralizzata dalla presenza di tribune inverdite e scalinate.” La superficie a verde costituisce il 35% del progetto, triplicando quella attuale, con la piantumazione di centinaia di alberi a raccordo con il parco Lambro: il 66% della pavimentazione complessiva sarà permeabile e 800 mq saranno dedicati in modo esclusivo ad orti e frutteti.  Per mitigare l’impatto acustico causato dal passaggio dei convogli della linea verde sarà realizzato un terrapieno alberato tra i binari e la piazza.



   

# Un boulevard verde ciclopedonale connetterà via Palmanova con il parco Lambro e la fermata della metro potrebbe prenderne il nome

Credits Dalla Bruna Fb – Crescenzago 3

Nella riqualificazione è contemplato anche un boulevard verde ciclopedonale che “ricalcherà l’asse esistente di via Cazzaniga, costituendo un elemento di forza all’interno del percorso AbbracciaMI” da poco inaugurato in città. In questo modo si verrà a creare un nuovo asse verde di ingresso al Parco Lambro che metterà in sicurezza e migliorerà la connessione tra i due sottopassi di Palmanova e il parco. Proprio “Parco Lambro” potrebbe essere il nuovo nome che andrà a sostituire, o più probabilmente a integrare, quello di Crescenzago alla fermata della M2.

Leggi anche: La STRAORBITALE diventa realtà (anche se con altro nome): 70km di ciclabile attorno a Milano

Fonte: Osservatorio Metropolitano

Continua la lettura con: RESTYLING GIAMBELLINO: la riqualificazione dell’ex quartiere della MALA (rendering)

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.