La PORTA VERDE dell’Est di Milano: dal DUOMO all’IDROSCALO un nuovo hot spot CICLO-PEDONALE 

E' stato avviato un progetto che riqualificherà il Parco Forlanini e unificherà l'itinerario ciclo-pedonale dal Duomo all'Idroscalo

credit: selsegrate.wordpress.com

E’ stato avviato un progetto che riqualificherà il Parco Forlanini e unificherà l’itinerario ciclo-pedonale dal Duomo all’Idroscalo.

La PORTA VERDE del Grande Parco Forlanini: dal DUOMO all’IDROSCALO un nuovo hot spot CICLO-PEDONALE 

Il volto della città di Milano sta cambiando sull’onda del restyling e della trasformazione urbana. Per le Olimpiadi 2026 vogliamo essere pronti a proporre un mix unico di tradizione e avanguardia urbanistica, e per farlo sono in costante aumento progetti e cantieri rivoluzionari. Tra questi spicca il progetto “La Porta Verde del Grande Parco Forlanini”, che mira a riqualificare l’area d’accesso al parco e a ultimare un nuovo itinerario ciclo-pedonale che collegherà piazza Duomo all’Idroscalo, passando ovviamente per il Parco Forlanini. Come verranno trasformati l’ingresso del parco e la città?


# “La Porta Verde del Grande Parco Forlanini”: 500 ettari di cambiamento

credit: mymi.it

Il Duomo e quello che viene chiamato “il mare di Milano” potrebbero essere collegati da un unico grande itinerario ciclo-pedonale. Il segreto non sarebbe ricostruire tutto da zero, ma unire le reti e i percorsi già presenti, aggiungendo altri tratti solo se necessario. L’iniziativa parte dal Grande Parco Forlanini, che mira a riqualificare ben 500 ettari attorno alla sua porta d’ingresso, ovvero dove si trova la nota Cascina Sant’Ambrogio.

# Un nuovo hot spot tra città e campagna

credit: selsegrate.wordpress.com

L’ingresso del parco si trasformerà in un hot spot ecosostenibile lì dove la campagna si fonde con la città. Un luogo d’aggregazione, in cui sperimentare nuove attività educative, come il monitoraggio flora-fauna, partecipare a laboratori sulla biodiversità, dal giardino dei profumi all’apiario didattico, e assistere ad eventi culturali e workshop incentrati sull’artigianato, come quello nella falegnameria e nella ciclofficina. Il progetto infatti coinvolge le tante realtà locali che caratterizzano l’area, come ad esempio le undici cascine ben conservate e che custodiscono le origini agricole dei lombardi.

# Dal Duomo all’Idroscalo in bicicletta, senza alcuna interruzione

credit: giteinlombardia.com

A dividere la Madonnina dall’Idroscalo ci sono 8 kilometri in cui si alternano stradoni e piste ciclabili non continuative. Ma il progetto che mira a riqualificare il Grande Parco Forlanini ha pensato anche a questo: si potrà pedalare direttamente dal Duomo all’Idroscalo, senza alcuna interruzione, passando ovviamente anche per il parco. Come già detto prima, la maggior parte dei tratti sono già conclusi e attendono solo di essere collegati tra loro, ad esempio l’Idroscalo ha concluso proprio a Ottobre del 2020 la sua nuova pista ciclo-pedonale di 6 km che circonda tutto il lago.



Credits: bici.milano.it

Sempre nel 2020 il Grande Parco Forlanini è stato inserito all’interno delle tappe di AbbracciaMI, la “circle line ciclistica” di Milano, un percorso di oltre 70 km che tocca tutti i quartieri e i parchi della città e che è stata inaugurata ufficialmente nel 2021.

Milano sembra davvero cambiare, ma siamo pronti anche noi milanesi ad accogliere e cavalcare l’onda del cambiamento?

LEGGI ANCHE: La pista CICLABILE più BELLA D’ITALIA sta per essere completata

ROSITA GIULIANO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


1 COMMENTO

  1. Frequento il parco durante le pause dal lavoro, è un bel luogo, con un vasto orizzonte. Spero non esageriamo col cemento e con l’asfalto.

Comments are closed.