Il PRIMO SENTIERO URBANO d’Europa: dal Duomo al Monte Stella

Verrà realizzato dalla sezione del Cai di Milano con l'obiettivo di evidenziare l’unità fra centro e periferia della città e far riscoprire il parco del Monte Stella. Intervento utile o brillante operazione di marketing?

Ipotesi percorso Duomo-Monte Stella

Entro la fine dell’anno verrà realizzato il sentiero urbano da Piazza del Duomo alla sommità del Monte Stella ad opera della sezione milanese del Club Alpino Italiano. L’obiettivo è evidenziare l’unità fra centro e periferia della città e far riscoprire il parco del Monte Stella. Intervento utile o banale operazione di marketing?

Il PRIMO SENTIERO URBANO d’Europa: dal Duomo al Monte Stella

# Entro il 2021 verrà “realizzato” il tracciato “CAI 01 Milano” dal centro città alla periferia

Ipotesi percorso Duomo-Monte Stella

Entro la fine del 2021 la sezione milanese del Club Alpino Italiano ha programmato la realizzazione del primo sentiero urbano d’Europa come se fosse un vero sentiero di montagna. Il percorso denominato sentiero “CAI 01 Milano” partirà da piazza del Duomo e terminerà sulla sommità del Monte Stella. L’obiettivo è evidenziare l’unità fra centro e periferia della città che è stato alla base della realizzazione del Monte Stella. Per “disegnare” il tracciato verranno utilizzati i classici colori dei percorsi montani, bianco e rosso, con “degli adesivi o fascette applicate ai pali della luce” invece che segni sull’asfalto o la pietra. Lo sviluppo del sentiero all’interno del parco della Montagnetta ricalcherà invece alcuni percorsi già esistenti, idonei ad essere frequentati anche da disabili di varia natura: ciechi, ipovedenti, disabili motori e altri tipi di disabilità minore. 


Fonte: Milano Repubblica

Leggi anche: LONDRA come MILANO: avrà una MONTAGNETTA artificiale. E se Milano raddoppiasse, dove potrebbe fare un altro MONTE STELLA?

# Il percorso si collega al “Progetto Monte Stella” di riqualificazione e messa in sicurezza del parco. Intervento utile o brillante operazione di marketing?

Credits: caimilano.org

Il percorso urbano si collega al “Progetto Monte Stella” di riqualificazione e messa in sicurezza dello stesso avviato lo scorso anno. L’intero complesso necessita di urgenti interventi di ripristino e manutenzione perché le acque meteoriche non sono più regimate. L’intento è effettuare una gestione attiva degli habitat applicando le tecniche di ingegneria naturalistica quali principi cardine utili sia a contenere i micro dissesti in atto nel Parco Monte Stella, sia a riqualificare questo polmone verde in pieno ambito urbano. 



La realizzazione del primo percorso urbano d’Europa è un’iniziativa lodevole per far riscoprire o scoprire il Monte Stella come luogo “naturalistico” di Milano, una città dove i mq di aree verdi per abitanti sono ancora insufficienti e non sempre ben mantenuti. Così concepito però può sembrare una banale operazione di marketing, visto che quasi tutto l’intero tracciato sarà pianeggiante e su asfalto o pietra e non ha niente a vedere con i classici percorsi montani. Si inserisce pertanto in una autentica “rivoluzione verde” auspicata dal sindaco o si tratta invece di una forzatura per far passare Milano per quello che non è, una località di montagna invece che una metropoli in mezzo alla pianura, con altri punti di forza?

Fonte: Cai Milano

Continua le lettura con: Un angolo di AMAZZONIA a Milano con il MIGLIO DELLE FARFALLE

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteQuando a MILANO c’era davvero il MARE
Articolo successivoIl QUARTIERE delle FIABE di ROMA
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.