Il futuro della FABBRICA del VAPORE: sarà la “città dei giovani”

La fabbrica del vapore produrrà progetti under 35

Credits: @carlo.sette (INSTG)

Nuovi progetti stanno facendo rinascere la “Fabbrica del Vapore” e altri ancora potrebbero arrivare. Vediamo cosa c’è all’orizzonte.

Il futuro della FABBRICA del VAPORE: sarà la “città dei giovani”

# L’associazione “Nuovo Rinascimento” sta dando nuova vita alla Fabbrica del Vapore 

Credits: notizie.it – Fabbrica Vapore Tempo perduto

Un gruppo di under 35 milanesi, con l’associazione “Nuovo Rinascimento” sta cercando di far rinascere la Fabbrica del Vapore invitando a fare rete per ripensare l’utilizzo di questo grande spazio. Una porzione dell’edificio è stato ribattezzato “Il Tempio del Futuro Perduto”, di fatto un centro multidisciplinare e polifunzionale a forte impatto sociale, un esempio tangibile di cittadinanza attiva che porta avanti da un anno progetti per la città.


Credits: cittanuova.it – Muro gentilezza

Il primo progetto è stato il muro della gentilezza, ispirato da altri esempi in Europa come Berlino e nato un anno fa, rivolto soprattutto a chi in questo anno di pandemia ha sofferto più di tutti la crisi economica: chi ha qualche vestito in eccesso lo lascia appeso alla parete per chi ne bisogno. Collaterale a questo progetto sono state organizzate tante attività culturali come corsi di pittura e mostre. 

L’ultimo progetto è la “Città dei giovani”, partito con un incontro online tenuto il 10 aprile e il cui lavoro è stato presentato al Comune di Milano. C’è stato il coinvolgimento delle associazioni del territorio, molte delle quali composte da under 35, e tante persone tra cui artisti, promotori culturali, influencer, che hanno provato a immaginare il futuro della Fabbrica del Vapore come luogo sempre più utile a livello sociale per Milano e di valore per la cittadinanza.

Fonte: notizie.it



# In passato era “fabbrica dei tram”

fabbrica del vapore

Un tempo la “Fabbrica del Vapore” non era luogo di idee e pensieri ma di fervente attività industriale. La Carminati & Toselli mise sede in questo luogo nel 1899 con l’intento di costruire, riparare e vendere materiale rotabile per ferrovie e tramvie.

Milano vantava una rete ferroviaria già molto estesa e i tram, dal 1893, anno della loro elettrificazione, erano già parte del tessuto urbano, per questo motivo il settore era in fortissima espansione. Dopo la nascita nel 1907 della “Società Italiana Carminati Toselli” l’azienda diventò una grande realtà industriale in espansione che andò a occupare tutto l’isolato, con una produzione orientata anche verso l’estero e le colonie. Dopo la crisi dovuta alla prima guerra mondiale e alla crisi finanziaria degli anni venti, l’affidamento da parte di ATM della produzione di oltre un centinaio di vetture tranviarie a carrelli denominate “1928” segnò un periodo molto florido.

wDopo la successiva crisi ci fu il definitivo scioglimento dell’azienda a metà degli anni ’30 con l’affitto e successiva vendita degli edifici industriali a differenti società che si occupavano delle più svariate attività. Nel 1999 questi spazi, dopo anni di abbandono, sono stati trasformati dall’amministrazione comunale in un centro di produzione culturale e affidati ad associazioni fino allo stop degli ultimi anni, prima della recente nuova rinascita.

Leggi anche: Dalle avanguardie a Harry Potter: ascesa e caduta della FABBRICA del VAPORE, in cerca di una vera MAGIA

Continua la lettura con:Il CAMPO da BASKET trasformato in un’OPERA d’ARTE

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteLa scienza, il nuovo supermarket delle idee
Articolo successivoLa CAPITALE del GELATO: vince Roma o Milano?
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da 5 anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.