La scienza, il nuovo supermarket delle idee

Il mondo scientifico viene ormai utilizzato da chiunque per validare le sue opinioni

Galileo e l'inquisizione

Il mondo scientifico viene ormai utilizzato da chiunque per validare le sue opinioni.
Non sono più gli scienziati a divulgare le proprie ricerche ma sono politici, giornalisti, persone della strada che utilizzano temi scientifici per validare qualsiasi opinione. Dando un’aura scientifica a opinioni del tutto soggettive.

In televisione si invitano determinati rappresentanti della scienza non per divulgare le loro scoperte ma per rafforzare il punto di vista che si vuole trasmettere al pubblico. Lo stesso vale per la condivisione sui social. 


Il rischio di tutto ciò è che le opinioni scientifiche che sappiamo possono essere contraddittorie e in continua evoluzione vengano screditate da questo uso fraudolento e superficiale. Che in più le trasforma da stimoli per la ricerca a dogmi pseudo religiosi e che hanno come fine quello di difendere se stessi.

Il fatto che il mondo scientifico è diventato un universo gigantesco, è un fatto positivo perchè moltiplica le idee e le scoperte, ma dall’altro aspetto è diventato un supermercato che offre idee ancora tutte da verificare insieme a certezze consolidate del pensiero scientifico.

Il rischio è di tornare indietro di cinquecento anni in un mondo in cui la scienza è strumento di opinione invece che un metodo di ricerca.



Continua la lettura con: La fine dell’oggettività

MILANO CITTA’ STATO 

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi contenuti e idee di altri senza citare la fonte