🛑 “FABBRICA di QUARTIERE”: l’alleanza Poli-Iulm per riprogettare il Sud Est di Milano

Progetto guida in Italia per una riqualificazione centrata sul cittadino

Credits: lagazzettadimilano.it

La collaborazione tra due atenei milanesi, Politecnico e Iulm, dà vita al progetto “Fabbrica di Quartiere” che coinvolge l’area Sud di Milano ridisegnando alcuni tratti della zona, dalla morfologia alla filosofia di vita, dando ampio spazio al modo in cui deve essere concepita.

“FABBRICA di QUARTIERE”: l’alleanza Poli-Iulm per riprogettare il Sud Est di Milano

Focus: un nuovo sviluppo per le aree dismesse 

ortomercato
ortomercato

Recupero di aree dismesse e una svolta green con nuove aree di aggregazione, ricreando nuovi spazi adibiti a realtà che ormai non sono più adatte alle esigenze di una Milano che, crisi momentanea a parte, necessitano di uno sviluppo consono ad una metropoli che vuole e deve crescere.


Sud-Est: il rilancio dei luoghi del degrado

 
Credits: milano.fanpage.it

Un’area che per anni ha vissuto con le caratteristiche di zona periferica ma che vedrà finalmente uno sviluppo e una nuova identità ospitando, per esempio, la nuova sede del Conservatorio, straordinaria fucina di talenti, dove si vedrà nascere la nuova sede dell’Ortomercato liberando quella attuale permettendo così una riconversione necessaria a rivalutare la zona attuale soggetta a ciclici periodi di degrado.

L’area: 18 Km quadrati e 115.000 residenti

politecnico di milano est
Politecnico di Milano

Il progetto “Fabbrica di Quartiere” avrà quindi due linee guida, una progettazione strutturale e una sociologica, che si fonderanno nell’ottica di consentire uno sviluppo il più aderente possibile alle necessità non solo economiche e strutturali ma anche alle reali esigenze delle persone che già abitano questa vasta area. Poco meno di 18 km quadrati e 115 mila residenti, molti di essi stranieri, che è stata monitorata e nella quale sono state raccolte testimonianze dirette, sia di chi ci vive sia di chi ci lavora, imprenditori, artigiani, pensionati, ragazzi, tutti coinvolti in una serie di sondaggi e raccolta dati al fine di garantire uno sviluppo che sia compatibile a ogni esigenza.

Progetto guida in Italia per una riqualificazione centrata sul cittadino

Credits: Iulm – iulm_university IG

La zona sarà il progetto guida per la riqualificazione di nuove aree in tutta Italia che mette al centro di tutto il cittadino che vedrà in breve tempo il riqualificarsi dei quartieri all’insegna della sostenibilità con grandi aree verdi, un rafforzamento consistente delle linee di trasporto pubblico, piste ciclabili integrate e spazi dedicati per ogni sorta di iniziativa.



La filosofia della “Fabbrica di Quartiere”

credits: corriere.it

Dal Forlanini a viale dei Missaglia, le aree sono e saranno costantemente monitorate dai due atenei milanesi che nelle figure di Alessandro Balducci, professore in Pianificazione e Politiche urbane al Politecnico e il sociologo Mario Abis (Iulm) hanno indicato i loro referenti. Sicuramente è il primo passo concreto in direzione di una rivoluzione urbana che deve essere seguita da tutte le città, italiane e non solo, che veda il cittadino al centro di ogni progetto. Non solo lo sviluppo economico, ora più che mai fondamentale per uscire da una crisi mondiale che sta mettendo in ginocchio gran parte della popolazione, ma la convivenza di culture multietniche, la conversione di grandi aree dismesse, una forte esigenza di aree verdi e una serie di interventi riguardanti una viabilità che deve concertarsi con un aspetto decisamente più ecologico.

Continua la lettura con: il progetto faraonico a nord di Milano

ROBERTO BINAGHI

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLe CASE-BARCA: in riviera i turisti potranno VIVERE SUL MARE
Articolo successivoIl MINI-CAMPER per l’estate: una CASA a TRE STANZE nello spazio di un’AUTO
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.