EFFETTO SQUALLOR: quando Milano può rivelarsi SCIATTA

Ecco dove e quando si presenta in queste condizioni e cosa si può fare per migliorarla

via muratori
Auto parcheggiate sul marciapiede all’incrocio tra Via Muratori e Via Corio

L’impatto che si ha arrivando a Milano da fuori è spesso piuttosto deprimente. Ecco dove e quando si presenta in queste condizioni e cosa si può fare per migliorarla.

EFFETTO SQUALLOR: quando Milano può rivelarsi SCIATTA

# La città che sapeva meravigliare 

Credits defens_unimi IG – Piazza Leonardo da Vinci in uno scatto d’epoca

Sì, Milano è proprio bella, amico mio, e credimi che qualche volta c’è proprio bisogno di una tenace volontà per resistere alle sue seduzioni, e restare al lavoro. Ma queste seduzioni sono fomite, eccitamento continuo al lavoro, sono l’aria respirabile perché viva la mente; ed il cuore, lungi dal farci torto non serve spesso che a rinvigorirla. Provasi davvero la febbre di fare; in mezzo a cotesta folla briosa, seducente, bella, che ti si aggira attorno, provi il bisogno d’isolarti, assai meglio di come se tu fossi in una solitaria campagna. E la solitudine ti è popolata da tutte le larve affascinanti che ti hanno sorriso per le vie e che son diventate patrimonio della tua mente.
Così Verga, il grandissimo scrittore siciliano, descriveva la città durante il suo soggiorno in una lettera ad un amico.


Come l’autore dei Malavoglia, tanti altri erano viaggiatori che giunti a Milano ne rimanevano estasiati dalla sua armoniosa e discreta bellezza. Certo, 150 anni di devastazioni urbanistiche e architettoniche perpetrate da servili architetti di regime e corrotti burocrati municipali non possono essere facilmente cancellate, sappiamo anche che i bombardamenti e la speculazione edilizia post bellica hanno lasciato cicatrici indelebili nel tessuto urbano. 

# La città si presenta nella sua veste migliore solo a macchie di leopardo 

credit: Instagram – @citylifemilano

Fatte le dovute premesse, non possiamo però aggrapparci ai disastri del passato per giustificare la sciatteria attuale. È vero che alcune zone sono state recuperate in maniera splendida e che molte altre sono oggetto di importantissimi interventi di recupero, ma Milano non è solo City life e Gae Aulenti, Brera o Navigli e nell’attesa di vedere gli scali ferroviari recuperati, le nuove terme in zona San Siro realizzate, il nuovo polo tecnologico di Rho fiera terminato. La città attualmente si presenta nella sua veste migliore a macchie di leopardo e l’impatto che si ha arrivandoci da fuori è spesso piuttosto deprimente.

Tornando da bellissime città europee ordinate, pulite e caratteristiche come Vienna, Zurigo e Monaco tra le tante, l’impatto con il capoluogo lombardo è sempre un po’ deprimente, molto meno di quanto non fosse negli anni ’80 e ’90 quando Milano era inguardabile, ma comunque l’effetto resta deludente. La stessa sensazione di fastidio si percepisce, forse amplificata, tornando da ridenti località di vacanza.



# Degrado, sciatteria, scarsa illuminazione e arredo urbano inesistente

via muratori
Auto parcheggiate sul marciapiede all’incrocio tra Via Muratori e Via Corio

Confrontandoci con megalopoli come Londra o Parigi o Lagos l’angoscia da rientro può risultare meno devastante essendo queste immense realtà urbane caratterizzate da orrende sterminate periferie, però entrando a Milano balza subito all’occhio l’enorme numero di auto parcheggiate in strada in maniera disordinata e invadente. Per non parlare degli orrendi grigi e anneriti cavalcavia o gli anonimi condomini con volumetrie spropositate che provocano un immediato senso di fastidio.  

Se poi il ritorno avviene la sera, si nota invece subito quanto Milano sia buia e male illuminata. Si notano poi le solite strisce pedonali oramai consumate e rese quasi invisibili, gli orrendi e innumerevoli graffiti che imbrattano i muri, il verde poco curato, i tratti di pavé sconnesso alternato ad asfalto rattoppato, una selva di pali e paletti, barriere in Jersey disseminate in maniera disordinata dappertutto, sottopassi zozzi e puzzolenti, muri scrostati, fastidiose ed esagerate luci al neon di negozi di materassi, aree abbandonate.

# Le soluzioni da attuare per rendere Milano vivibile in ogni angolo

Le soluzioni richiedono tempo e soldi, però un piano di parcheggi interrati per rimediare a questo disordine andrebbe pianificato, così come l’amministrazione comunale dovrebbe avere una chiara e precisa idea di arredo urbano. L’illuminazione andrebbe una volta per tutte ripensata per trasformarla anche in un fattore di valorizzazione, come avviene altrove nel mondo. Speriamo presto che tra qualche anno rientrare a Milano non ci faccia più sentire a disagio e che la nostra città sia bella, verde e vivibile in ogni angolo.

Leggi anche: La nuova giunta: 5 AZIONI da mettere subito in campo per MILANO

Continua la lettura con: A Milano l’ARREDO URBANO non è di casa

ANDREA URBANO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.