La TORRE MILANO è arrivata in VETTA: a breve verrà posata la BANDIERA (immagini)

Sta arrivando una nuova torre residenziale in città: la Torre Milano ha finalmente raggiunto la vetta.

credit: impresarusconi.it

Sta arrivando una nuova torre residenziale in città: la Torre Milano ha finalmente raggiunto la vetta.

La TORRE MILANO è arrivata in VETTA: a breve verrà posata la BANDIERA (immagini)

I lavori per la nuova torre residenziale meneghina – la Torre Milano – sono iniziati nel novembre pre-covid e nonostante i rallentamenti entro questa settimana verrà posata la bandiera sul tetto. Situata tra Isola e Maggiolina, sarà un affascinante atrio prima di accedere al cuore pulsante della città.


# E’ arrivata in vetta e verrà terminata all’inizio del 2022

credit: milano.corriere.it

Il ritmo con cui la torre è stata costruita è davvero sorprendente: circa un piano alla settimana. Lo chiamano “l’effetto Porta Nuova” ed effettivamente la città sembra essere stata travolta da una riqualificazione a 360°: dalle aree verdi alle strade, per arrivare ai palazzi che costituiscono il nostro invidiato skyline. La Torre Milano di via Stresa è arrivata in vetta, infatti la settimana prossima verrà posizionata la bandiera sul tetto e si spoglierà dei ponteggi entro gli inizi del 2022.

# Ventitré piani di appartamenti e un rooftop: “E’ aumentato il fabbisogno residenziale”

credit: impresarusconi.it

Sono arrivati al penultimo piano, il ventitreesimo, che verrà sovrastato da una grande terrazza in perfetto stile meneghino. Non poteva mancare il rooftop sulla nuova torre residenziale, che con i suoi 80 metri di altezza e le sue linee razionaliste sarà la moderna porta d’ingresso dalla periferia Nord verso il centro città. Il consigliere delegato – Stefano Rusconi – ha spiegato che «A Milano oggi la domanda di “nuovo” è molto alta perché l’offerta è poca. Basti pensare all’aumento demografico (200mila persone in più negli ultimi 15 anni) con nuclei familiari quasi dimezzati (a 1,3 persone di media) per capire quanto sia aumentato il fabbisogno residenziale in città». 

credit: impresarusconi.it

# La Torre Milano è parte di un progetto di restyling più ampio

credit: impresarusconi.it

Sono previsti una serie di spazi dedicati all’incontro e alla socialità, sia interni che esterni, dalla semplice corte con i giochi per bambini agli spazi condominiali per lavorare o per il tempo libero con terrazze e piscine. Ci sarà persino un giardino «contemplativo» e un’area ispirata alla bocciofila di via Morgagni.



credit: impresarusconi.it

Una residenza dotata di ogni comfort che presta attenzione anche ai consumi: gli obiettivi energetici sono elevati – con 190 pannelli fotovoltaici sul tetto – e ci sarà una vasca da 15mila litri che raccoglierà le acque piovane per l’irrigazione del verde. Inoltre ogni appartamento sarà provvisto di un sistema di ventilazione «controllata» con filtri Uv per garantire ambienti sani e puliti.

Ma la Torre Milano non sarà isolata, infatti si inserisce all’interno di un progetto di restyling più ampio, che riqualifica l’intero quartiere e che si aggiunge alle sempre più evidenti conseguenze de “l’effetto Porta Nuova”.

 

Fonte: Rusconi

Leggi anche: HIPPODRHOME: i dettagli sulla NUOVA TORRE di Lampugnano (Immagini)

ROSITA GIULIANO

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here