Sondaggio a sorpresa: per gli italiani la colpa dell’emergenza è del governo

Solo per un italiano su quattro la colpa è del capro espiatorio scelto da governo e media per giustificare l’inefficacia dei provvedimenti fin qui adottati.

Fonte: Demoskopika

Secondo un sondaggio di Demoskopika commissionato da Anni 20 su Rai 2 e rilanciato da Affari Italiani e da altri siti, alla domanda “è ancora emergenza pandemica, di chi è la responsabilità?”, il 40% degli intervistati ha risposto “la cattiva gestione del governo”. Per il 33% la colpa è dei “vaccini che non funzionano” e solo per il 27% è “solo colpa dei non vaccinati”, che sono invece il capro espiatorio scelto da governo e media per giustificare l’inefficacia dei provvedimenti fin qui adottati.

È interessante notare come la narrazione costruita contro i non vaccinati, pur essendo un coro unanime di governo e mass media, non è riuscita ad attecchire nella gran parte italiani che, evidentemente, hanno una percezione diversa e forse più realistica di ciò che sta accadendo.


In effetti, la presenza di persone non vaccinate così come l’efficacia o meno dei vaccini sono due variabili comuni a tutti i paesi del mondo. Se fossero questi i fattori decisivi, tutti i paesi del mondo dovrebbero vivere più o meno allo stesso modo la situazione di emergenza. Ma se lo stesso problema risulta avere conseguenze molto differenti nella vita delle persone tra un paese e l’altro, l’unica reale responsabilità ricade sull’unico elemento che è diverso da una nazione all’altra: il governo e le misure che ha adottato.

Quindi, se in Italia al momento la situazione risulta più drammatica, sia dal punto di vista sanitario che sociale, secondo gli italiani il primo responsabile è la politica.
La colpa in realtà non è della politica specifica ma dell’idea che la politica possa risolvere questo problema attraverso un interventismo spinto, fatto di norme, decreti e burocrazia.

Il paradosso infatti è che in generale gli stati, come quelli in Africa o del Nord Europa, che hanno fatto di meno per contrastare questo problema sono anche quelli che hanno ottenuto i risultati migliori.
Una ulteriore dimostrazione che molte volte la politica migliore è la non politica. Perché spesso è la politica a creare problemi invece che soluzioni.



Leggi anche: Il sondaggio che atterra Draghi. C’è ancora emergenza, colpa del governo (affaritaliani.it)

Continua la lettura con: I topi scappano quando la nave affonda

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.