I politici pulsanti

Da una parte il potere è quello che viene subìto, dall’altra quello che viene premuto

Foto di cottonbro da Pexels

Un grande imprenditore di una multinazionale, recentemente interrogato sulla situazione attuale, mi ha confidato con un sorriso: per noi i politici sono come dei pulsanti.

Esiste una larga fascia della popolazione che ha un atteggiamento reverenziale nei confronti dei politici. Una condizione di sudditanza, molto paternalistica, in cui si crede che il politico agisca sempre per il bene del figliuolo e che debba risolvere ogni questione.


Invece per l’oligarchia imprenditoriale internazionale il politico è come un pulsante. Va premuto per ottenere quello che serve.
Da una parte il potere è quello che viene subìto, dall’altra quello che viene premuto. Come se la politica fosse un gioco in cui cittadini sono i proprietari ma i giocatori sono i grandi interpreti della finanza internazionale.

Chi fa politica spesso è animato da fame di potere, dall’idea che possa azionare le leve per migliorare la vita delle persone, ma più sale nella gerarchia più si accorge di essere lui una leva nelle mani di altri.
Questo può generare una frustrazione che si riversa sui cittadini in varie forme di autoritarismo: chi viene predato dal suo potere, perché in una posizione di debolezza nei confronti di forze superiori, tende poi a rivalersi sui cittadini sopprimendo il loro potere.

Così come la soluzione contro gli abusi di potere dei governanti è in una reazione forte da parte dei cittadini, per eliminare la deriva oligarchica bisogna disattivare i pulsanti.



Continua la lettura con: L’obbligo di terapia

MILANO CITTÀ STATO

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.