Ogni azione determina una reazione

Quello che vale in Fisica e in Psicologia si applica anche in Società?

Le cinque giornate di Milano

In Fisica la terza legge della dinamica, o principio di “azione e reazione”, stabilisce che a ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.

Anche in Psicologia esiste un fenomeno per cui la maggior parte delle aggressioni avviene in seguito ad un percorso di escalation verbale e fisica tra i contendenti. Addirittura, si supera a livello individuale la legge della Fisica, perché quasi sempre la reazione supera di intensità l’azione che l’ha provocata. E questo porta a un’escalation che può sfociare in una violenza spropositata rispetto all’azione di partenza.


Ma questa legge si applica anche nella società?

Quasi sempre le insurrezioni popolari sono avvenute in seguito all’adozione di norme particolarmente brutali o repressive. Le cinque giornate di Milano sono divampate dopo una serie di restrizioni degli austriaci considerate inammissibili dai milanesi.

Anche la rivoluzione francese è maturata in un clima di difficoltà economiche e mala gestione dello Stato che ha portato a una crescita dell’insofferenza fino all’esplosione finale.



La soluzione per evitare la degenerazione dello scontro sociale è che quando i governi decidono di adottare misure non popolari, devono calcolare bene tutti i possibili effetti collaterali e dovrebbero sempre cercare di dare in cambio qualcosa, soprattutto se colpiscono solo una parte della popolazione.
Perché subire una restrizione che discrimina porta inevitabilmente a sviluppare tecniche di reazione di pari o più alto livello. Con l’aggiunta che essere parte di un gruppo discriminato alimenta una coesione e uno spirito di corpo e di rivendicazioni delle proprie ragioni più accentuato.

Si genera quello che in Psicologia si chiama “effetto rete”, ossia la reazione di gruppo diviene molto più intensa rispetto alla semplice somma delle reazioni individuali.

Continua la lettura con: la strategia del terrore

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Il cinismo salverà il mondo, tra gli Usa e il Green Pass

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.