Non tirare troppo la corda

In questa immagine è previsto tutto, tranne un’eventualità


In questa immagine è previsto tutto, tranne un’eventualità: che la corda si rompa perché viene tirata troppo.

«La virtù sta nel mezzo» era una sentenza della Scolastica che riprendeva l’ideale di Aristotele della giusta misura come punto di valore compreso tra posizioni estreme.
Nella situazione che stiamo vivendo ci sembra che a livello politico sia stato cancellato il concetta di misura, come se l’obiettivo non sia più quello di trovare quel medio, quel punto di incontro tra posizioni estreme. 


Un esempio è l’introduzione del Green Pass. Non vogliamo qui parlare se sia una misura positiva o negativa, ma ci interroghiamo sul fatto che uno strumento di emergenza che provoca gravi scossoni a livello sociale sia stato introdotto senza al contempo prevedere in modo esplicito la condizione per la sua abolizione.

Altro sarebbe stato inserirlo con lo scopo di aumentare la vaccinazione condizionandolo al raggiungimento di un risultato. Ma in questo caso non esiste nessuna limitazione che ne preveda la sua fine. E questo determina che il governo si arroga di fatto ogni arbitrio su questo strumento senza rendere partecipi i cittadini sulla sua durata o condizione di ritiro.

Inserire misure dure, senza precedenti, che colpiscono con forza componenti della società senza un limite esplicito, che può essere temporale o di conseguimento di un obiettivo, sembra rispondere a una logica di non ritorno, al tentativo di forzare la mano e di arrivare a un punto di rottura invece che a una soluzione ottimale per fare evolvere la società nel suo complesso.



Potrebbe sembrare che lo scopo non sia quello di raggiungere un obiettivo, qualunque esso sia, ma di rompere la corda.

Continua la lettura con: Quando chiuderanno la porta dell’inferno?

MILANO CITTA’ STATO 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Tommaso Cerno, il “senatore dei diritti” che non va mai in Parlamento

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.