Le tolleranze “cool” e quelle “out”

Su alcuni temi è “cool” essere tolleranti. Su altri è cool essere intolleranti

0
Hippie

Su alcuni temi è “cool” essere tolleranti. Su altri è cool essere intolleranti.

Il nostro periodo storico ha giustamente l’ideale della tolleranza in primo piano. Si è compatti nel giudicare negativamente le varie forme di intolleranza verso alcune minoranze, tipo quelle per orientamento sessuale o per le minoranze etniche che un tempo erano oggetto di discriminazione.
Considerare in questo caso il diverso senza alcuna connotazione negativa è un grande segno di civiltà.

Paradossalmente non tutti i diversi accedono a questa tutela morale della comunità. Anzi.
La stessa comunità che difende alcune minoranze, si scaglia contro chi adotta scelte o comportamenti diversi da quelli del proprio gruppo di riferimento. Ad esempio il recente fatto di cronaca del bambino scomparso e poi ritrovato nei boschi del Mugello ha portato allo scoperto la condanna sociale contro chi decide di vivere libero da vincoli e stereotipi della società, attaccando questo stile di vita considerato improprio.

Lo stesso fatto che si facciano delle leggi per tutelare espressamente solo alcune minoranze crea disuguaglianze tra le minoranze.
Il principio di tutelare le minoranze dovrebbe valere per tutte le minoranze, anche per le minoranze formate da chi esprime un’opinione o uno stile di vita diverso da quello dominante. Ogni minoranza dovrebbe essere trattata con rispetto invece che diventare bersaglio della condanna sociale. 

Perchè la regola generale seguita da molti non è di salvaguardare le minoranze ma di strumentalizzarle per promuovere la propria bandiera ideologica. Se ci si volesse battere per un principio di civiltà bisognerebbe battersi per ogni tipo di minoranza, non solo quelle che corrispondono ai propri valori.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

La più grande battaglia per i diritti civili dovrebbe essere messa in campo per eliminare ogni tipo di discriminazione verso chi è diverso nell’affrontare la vita, soprattutto chi si discosta dalla cultura dominante del momento.
Perché il livello di una civiltà non si misura nella libertà che ha chi si conforma, ma nella libertà che viene data agli eretici.

Continua la lettura con: La paura dell’esclusione

MILANO CITTA’ STATO 

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl buono, il brutto e il cattivo: le TRE NUOVE IPOTESI per il CANDIDATO del CENTRO DESTRA
Articolo successivo7 LUOGHI NATURALI dove TUFFARSI a pochi KM da MILANO