Il buono, il brutto e il cattivo: le TRE NUOVE IPOTESI per il CANDIDATO del CENTRO DESTRA

Dopo il rifiuto di De Montigny, queste sono le tre nuove ipotesi per il candidato del centro destra

Salvini e Sala

Il centrodestra è ancora in alto mare per individuare il nome del candidato sindaco. Dopo il rifiuto di Oscar De Montigny, queste sono le tre nuove ipotesi per il candidato del centro destra.

Il buono, il brutto e il cattivo: le TRE NUOVE IPOTESI per il CANDIDATO del CENTRO DESTRA

#1 Salvini: “ho l’identikit giusto. È un imprenditore del mondo del sociale e un professore universitario. Credo che le prossime ore saranno decisive

Credits attualita_e_politica IG – Salvini

Matteo Salvini dopo alcuni giorni di tensione, con la rinuncia di De Montigny a ricoprire le vesti di candidato sindaco per il centro destra alle prossime elezioni comunali a Milano in autunno, sembra avere ritrovato l’ottimismo. Si dice certo di aver individuato la persona giusta, con cui ha avuto un colloquio positivo nelle scorse ore, per sfidare il sindaco uscente Sala: “Sono appena rientrato apposta per occuparmi del candidato sindaco di Milano. E credo che sia la volta buona. È un imprenditore del mondo del sociale e un professore universitario. Credo che le prossime ore saranno decisive“.


#2 Ma spunta il nome di Feltri (con Albertini)

Feltri – Albertini

Una delle ipotesi circolate nella giornata di ieri 24 giugno è quella del direttore editoriale di Libero Vittorio Feltri con Gabriele Albertini vicesindaco, come riportato dal Corriere della Sera, la cui risposta a riguardo è stata: “La cosa mi solletica e anche mi lusinga. Però, io non saprei amministrare un condominio, figuriamoci Milano“. Aggiungendo che: “Mai fatto una campagna elettorale, mai stato nemmeno consigliere comunale». L’esperienza di Albertini potrebbe essere di aiuto. L’ironia di Vittorio Feltri: “Giusto. Posso chiedere di fare tutto a lui, io esercito il potere di indirizzo“.

#3 Oppure il colpo a sorpresa: Sala sfida Salvini, “Si candidi lui”

Credits: milano.corriere.it – Sala e Salvini per l’autonomia per Milano

Il sindaco Sala ha commentato la rinuncia dell’ultimo sfidante in ordine di tempo, che avrebbe potuto competere con lui alle prossime elezioni comunali, proponendo lo stesso Salvini come candidato del centro destra: “È chiaro che abbiamo due visioni della città differenti, magari sarebbe un’occasione per chiamare i milanesi a esprimersi a favore dell’una o dell’altra. Potrebbe essere una soluzione“. Aggiungendo che “Milano merita una competizione forte, io so che posso non essere creduto, ma non sono qua ad aspettare di non aver nessuno o di avere un debolissimo candidato, perché non va bene per Milano“.

Continua a leggere con: A Milano serve un sindaco?

FABIO MARCOMIN



copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteLa FORESTA TROPICALE dell’entroterra LIGURE
Articolo successivoLe tolleranze “cool” e quelle “out”
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.