La vita è orientata all’energia

Tutti noi ragioniamo in termini energetici


Pensiero del giorno.

Una recente ricerca ha messo in evidenza come inconsapevolmente le persone quando fanno la spesa alimentare sono in grado di valutare in maniera accurata il valore acquistato in base all’effettivo apporto energetico degli alimenti.
Si tende a valutare il prezzo sulla base del contenuto energetico di un alimento.

In realtà tutti noi ragioniamo in termini energetici. I soldi in sé rappresentano un potenziale energetico, il loro valore è il quantico energetico con cui si possono trasformare.
E questo riguarda ogni ambito. Ogni decisione la prendiamo in gran parte sulla base della forza energetica che attiva. La stessa intuizione viene seguita tanta più energia ci trasmette.

Siamo in un mondo che si basa su una ricchezza artificiale, costituita da una bolla di strumenti finanziari che tendono a dilatare sempre di più nel tempo il ritorno potenziale dell’energia.
Un mondo che sta vacillando sulle sue fondamenta proprio perché le risorse energetiche che alimentano la crescita economica stanno diventando insufficienti per il fabbisogno produttivo, impennandosi inevitabilmente di valore secondo la legge della domanda dell’offerta e rischiando così di far precipitare l’economia che sostengono.

Forse l’unica via di uscita alla crisi di sistema sarà di legare in maniera diretta il valore della moneta con l’energia ad essa associata.

Continua la lettura con: Deliri di fine anno

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.