La tattica dei popoli senza esercito

Come un conflitto informativo potrebbe replicare la tradizione militare

La battaglia di Teutoburgo

Nella storia spesso si è verificato uno scontro tra due parti di cui una con un esercito bene organizzato e l’altra completamente destrutturata con forze sensibilmente inferiori.

Per la tattica militare quando ci sono due forze in campo molto diverse quella meno potente tende a trasformare la guerra in guerriglia per poter sopravvivere. In quanto in uno scontro tradizionale verrebbe spazzata via.


Nella guerra fredda i due episodi di conflitto asimmetrico più celebri sono stati quello degli USA nel Vietnam e dell’Unione Sovietica in Afghanistan.
Nel primo caso, dopo oltre un decennio in cui teoricamente non ci doveva essere storia per la sproporzione delle forze in campo, la tattica di logoramento dei Vietcong di continue azioni di disturbo, parcellizzate e senza punti di riferimento, ha sfiancato la forza degli americani fino al loro ritiro.
Lo stesso è stato sperimentato dai sovietici in Afghanistan. Un decennio di tentata invasione di un esercito imponente e fino allora mai sconfitto è stato respinto dai Mujaheddin che colpivano con piccoli gruppi organizzati diffusi e nascosti sul territorio.

In fondo questi esempi riprendono una tecnica attivata spesso nel passato. A partire dai Germani che con l’imboscata della celebre battaglia di Teutoburgo, in cui Varo perse anche la vita, affossarono i sogni espansionistici dei romani oltre il Reno.

In epoca più recente un teorico della guerriglia organizzata era Garibaldi che imparò questa tecnica nell’America Latina e la portò nella prima e nella seconda guerra di indipendenza italiana, dimostrando che anche solo con mille soldati si può avere la meglio su eserciti imperiali.



In questo periodo si sta usando, e probabilmente abusando, della metafora bellica per giustificare azioni che non sarebbero consentite in tempo di pace. Si tratta probabilmente di un tipo di guerra diversa, di uno scontro di informazioni che potrebbe replicare quanto accaduto nel passato con combattimenti più tradizionali.

In questo caso la guerriglia sul web e su piattaforme sempre meno controllate potrebbe ribaltare le sorti di un conflitto in cui al momento la sproporzione delle parti è evidente.

Continua la lettura con: Diritti e Privilegi: 0 – 1

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here