La paura della verità

Affermare sui media solo l’opinione dominante senza contraddittorio e giudicando in modo negativo quelli che pensano qualcosa di diverso è la vera strategia politica di oggi

Credits: www.tragicomico.it

In questa epoca di estremizzazione del pensiero e di nuovi dogmi sanitari riaffiora l’atavica paura di dire la verità.
Spesso quando si viene consultati sui temi dove il potere ha una posizione netta, le persone anche se la pensano diversamente hanno paura di esprimere un loro pensiero per non ricevere esclusione o riprovazione sociale.

È un fenomeno che conosciamo bene prima delle elezioni quando molti non professano il loro vero credo politico neanche in un sondaggio anonimo, con la conseguenza che i risultati elettorali risultano molto diversi dalle proiezioni fatte con i sondaggi.


Il problema dei sondaggi è che negli stati in cui non esiste dibattito sulle questioni più importanti rischiano di trasmettere un consenso falsato, soprattutto sui tempi più caldi.
Il fatto che i sondaggi rappresentino una realtà alterata va inevitabilmente a influenzare quelle che saranno le decisioni prese dai governanti, portando a una distanza tra quello che i cittadini davvero vogliono e quello che viene realizzato a livello governativo.

Affermare sui media solo l’opinione dominante senza contraddittorio e giudicando in modo negativo quelli che pensano qualcosa di diverso è la vera strategia politica di oggi: rendere la minoranza ancora più minoranza e amplificare il valore di sondaggi che sono già alterati in origine e che vengono usati strumentalmente per costruire ancora di più una opinione pubblica fasulla capace di giustificare le conseguenti decisioni politiche.

È lecito poi che la maggioranza prenda provvedimenti che ledano le libertà e i diritti fondamentali di una minoranza?
Senza cultura e rispetto della minoranza non esiste più spazio per la verità.



Continua la lettura con: La grande occasione dell’Italia

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


1 COMMENTO

  1. Fino a quando esisteranno giornali, tv , giornalisti e presentatori che sono asserviti alla dittatura dello stato non ne usciremo mai più …. e i pecoroni covidioti con le chiappe all’ aria a farselo mettere nel culo !!!

Comments are closed.