🔴 San Pietroburgo ci ripensa: le OPERE dell’Ermitage rimarranno a Milano fino alla fine delle MOSTRE

L'Italia rimane nella black list russa, ma l'Arte e la Cultura non verranno chiamate al fronte.

Credits: @hermitage_museum IG

Le opere d’arte prestate all’Italia dalla Russia non torneranno in patria prima del previsto, ma potranno aspettare il termine della collaborazione concordata. Il curatore del museo Hermitage di San Pietroburgo è giunto ad un accordo con il ministro della cultura russo.

San Pietroburgo ci ripensa: le OPERE dell’Ermitage rimarranno a Milano fino alla fine delle MOSTRE

# “La bellezza salverà il mondo”

Credits: @hermitage_museum IG – Adamo Tadolini: Gianimede e l’Aquila, 1823 / presso il museo Hermitage

Questo episodio è la dimostrazione che tramite dialogo e mediazione si può arrivare ad un accordo, anche in situazioni delicate come quelle della guerra. Con una lettera il direttore del museo russo, Michail Piotrovsky, ha fatto sapere al Palazzo Reale e alla Galleria d’Arte milanesi che le opere prestate non dovranno essere smantellate e restituite prima della fine effettiva delle mostre.


Ha dichiarato che “L’odierna situazione museale deve mostrare un modo per risolvere problemi seri in un mondo molto complicato per non diventare uno strumento di lotta politica. Abbiamo bisogno di nuovi approcci e accordi senza un ritorno alla retorica della Guerra Fredda” conclude il messaggio.

# Ma sulla cultura l’Occidente non ci ripensa

Nonostante questa ultima comunicazione per l’Italia da parte di San Pietroburgo, nel nostro paese e in Occidente continuano a manifestarsi episodi di cancel culture e “russofobia”: nessuno ha cambiato idea per quanto concerne le loro scelte riguardanti la presenza di – rispettivamente – corsi, rappresentanti e celebrazioni musicali della cultura russa.

Credits: @paolo.nori IG – Post di Paolo Nori su Instagram, in risposta alla scelta della Bicocca di cancellare il suo corso su Dostoevskij e in generale al dilagante fenomeno della “russofobia”

Continua a leggere con: Anche l’ARTE in GUERRA: l’Ermitage rivuole le opere prestate all’Italia

ALICE COLAPIETRA



Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.