PNRR FUORIONDA SALA e FONTANA: “sud sud sud…”. Ma è proprio così?

Ecco come è andata e come verranno distribuiti i fondi in arrivo dall'Europa

Credits: gazzetta.it - Sala e Fontana

Il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e il sindaco di Milano Beppe Sala sono stati ripresi durante un fuori onda a margine della conferenza stampa di presentazione dell’accordo fra A2A e Politecnico. Il tema del confronto è stata l’allocazione dei fondi del Pnrr, che secondo il primo cittadino premierebbero eccessivamente il mezzogiorno. Ecco come è andata e come verranno distribuiti i fondi in arrivo dall’Europa.

PNRR FUORIONDA SALA e FONTANA: “sud sud sud…”. Ma è proprio così?

# Il sindaco di Milano Beppe Sala “Io sono preoccupato del fatto che Sud, Sud, Sud…”

Credits: gazzetta.it – Sala e Fontana

Al termine della conferenza stampa di presentazione dell’accordo fra A2A e Politecnico  viene ripreso un fuori onda da LaPresse, tra il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e il sindaco di Milano Beppe Sala. Il tema del confronto è la distribuzione delle risorse del Pnnr nelle diverse zone del Paese.


Vedi il fuorionda

Il governatore lombardo dice: “Caro Beppe, è un casino il Pnrr e noi mettiamo a terra un ca**o“. La risposta del primo cittadino milanese: “È questo, adesso va bene tutto. Noi dobbiamo farci un po’ più furbi su questa cosa e fare un po’ più di sistema obiettivamente tra tutti. Io sono preoccupato del fatto che Sud, Sud, Sud, ho capito, ma l’innovazione… Però io non ho veramente niente da contestare. Voglio chiarezza, perché è evidente che noi abbiamo una progettualità…“. La conclusione di Attilio Fontana: “Voi siete in grado, perché il Comune di Busto Arsizio che ca**o fa? Che non è un Comune piccolo quello di Busto Arsizio…“.

Leggi anche: PNRR: per MILANO solo 660 MILIONI. SALA: “Servono 5 MILIARDI!”



# Oltre il 40% delle risorse del Pnnr saranno destinate al mezzogiorno

Credits ioinvesto – Ripartizione risorse Pnrr

Il Piano di Ripresa e Resilienza mette a disposizione 191,5 miliardi di euro a ci si aggiungono 30,6 miliardi attraverso il Fondo complementare, per un totale di 221 miliardi. Oltre a questo sono stati previsti ulteriori 26 miliardi da destinare alla realizzazione di opere specifiche e per il reintegro delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione, stanziati entro il 2032, e altri 13 miliardi del programma REACT-EU da utilizzare entro il triennio 2021-2023. Il Pnrr si sviluppa intorno a tre assi strategici: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica, inclusione sociale, con l’obiettivo di riparare i danni economici e sociali della crisi pandemica, ridurre i divari territoriali, quelli generazionali e di genere e contribuire dal programma REACT-EU.

Sui 206 miliardi ripartibili secondo il criterio del territorio ne spettano 82 al mezzogiorno, quindi il 40% dei fondi messi a disposizione. La quota è però destinata a salire nei fatti, tenendo conto che nei bandi per la richiesta di assegnazione delle risorse sono spesso presenti criteri atti a favorire i territori più arretrati e di conseguenza il mezzogiorno avrà maggiori possibilità di ulteriori fondi da impiegare. 

Continua la lettura con: “3 su 4 hanno ATTACCHI di PANICO”: la crisi nera degli STUDENTI di Milano

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


1 COMMENTO

  1. Lo sapevamo tutti che è così, solo Sala ha avuto il coraggio di dirlo, anche se solo in un fuori onda. A Milano si lavora come matti, ci si fa un mazzo così e gli aiuti vanno sempre al sud. È cominciata 160 fa con la Questione Meridionale e non è ancora finita, ha solo cambiato nome.

Comments are closed.