🛑 Nuovo studio: più l’ARIA è INQUINATA più si DIFFONDE il COVID

La prima solida prova empirica del legame tra inquinamento e diffusione del Covid. Vediamo i risultati dello studio

Livelli di inquinamento da PM2.5 Arpa Lombardia 18-03-2020

Dopo le prime evidenze emerse fin dall’inizio della pandemia, una nuova ricerca ha evidenziato come l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico aumenterebbe il rischio di contrarre l’infezione da SARS-CoV-2. Vediamo i risultati.

Nuovo studio: più l’ARIA INQUINATA più si DIFFONDE il COVID

# L’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico aumenterebbe il rischio di infezione da SARS-CoV-2

Inquinamento Pianura Padana

Fin dall’inizio del periodo di pandemia è stato osservato come, anche in Italia, le aree più esposte all’inquinamento atmosferico come la Pianura Padana erano anche quelle con tassi di infettività da SARS-CoV-2 più elevati. Uno studio portato condotto da Epimed, il Centro di Epidemiologia e medicina preventiva dell’Università dell’Insubria, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista online Occupational & Environmental Medicine, del gruppo editoriale Bmj, ha evidenziato come l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico aumenterebbe il rischio di contrarre l’infezione da SARS-CoV-2. Lo studio ha preso in esame la popolazione adulta della città di Varese (62.848 persone), dall’inizio pandemia a marzo 2021, in quanto crocevia importante del trasporto aereo, su ferro e su gomma, con la presenza di molti hub di logistica, aziende, un aeroporto e il transito dei frontalieri da e per la Svizzera. 

# I risultati dello studio: l’aumento di 1 microgrammo di PM 2.5 è associato a una crescita del 5% delle infezioni

Credits Surprising_Shots -pixabay – Donna con mascherina

Lo studio ha considerato molte delle caratteristiche cliniche e demografiche che possono aumentare la suscettibilità a SARS-CoV-2 oltre all’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico. I risultati che sono emersi indicano che l’aumento di 1 microgrammo/metro cubo nel livello medio annuo di PM2.5 era associato ad un aumento del 5% dei tassi di infezione, corrispondente a 294 ulteriori casi di positività da Covid-19 per 100mila abitanti/anno. Simili relazioni si sono avute anche con altri inquinanti quali PM10, NO e NO2.

# La prima solida prova empirica del legame tra inquinamento e diffusione del Covid

Livelli di inquinamento da PM2.5 Arpa Lombardia 18-03-2020

Il professor professor Marco Ferrario, uno dei docenti che ha seguito lo studio, ha spiegato l’importanza della ricerca e dei dati emersi: “I nostri risultati da soli non sono in grado di stabilire il nesso di causa-effetto, ma forniscono la prima solida prova empirica in merito al legame finora solo ipotizzato che collega l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico con l’incidenza di Covid-19. Per questo meritano una futura generalizzazione in diversi contesti

Continua la lettura con: FRANCIA: no obbligo vaccinale. SPAGNA: Covid va trattato come un’influenza, l’Europa si adegui

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteSe Milano fosse un COLORE, quale sarebbe? Sette SFUMATURE di…
Articolo successivoL’uscita dignitosa
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.