🛑 FRANCIA: no obbligo vaccinale. SPAGNA: Covid va trattato come un’influenza, l’Europa si adegui

Mentre l'Italia insiste con il massimo allarme, la Francia dice no all'obbligo vaccinale e la Spagna chiede all'Europa di trattare il Covid come un'influenza

Credits erika.kostialova IG - Ristorante Parigi

In Europa vincerà la linea del rigore italiano? Oppure avrà la meglio la linea opposta? Le ultime notizie sembrano fare pendere la bilancia su questa seconda possibilità. La Francia dice no all’obbligo vaccinale. La Spagna chiede all’Europa di trattare il Covid come un’influenza. 

FRANCIA: no obbligo vaccinale. SPAGNA: Covid va trattato come un’influenza, l’Europa si adegui

# Il portavoce del governo francese Gabriel Attal “Abbiamo scelto il pass sanitario e poi quello vaccinale, lo confermiamo

Credits grabrielattal IG – Gabriel Attal

Il governo francese non intende introdurre l’obbligo vaccinale contro il Covid-19. A confermare questa scelta è il portavoce del governo francese Gabriel Attal secondo cui l’obbligo di vaccinazione contro il Covid non è il modo più efficace per incoraggiare le persone a immunizzarsi. A commento delle manifestazioni contro il green pass di sabato 8 gennaio nelle strade francesi, oltre circa 100.000 persone in tutta la Nazione, ha dichiarato: “Abbiamo scelto il pass sanitario e poi quello vaccinale, lo confermiamo“. In Italia dall’8 gennaio è in vigore invece l’obbligo vaccinale per gli over 50 italiani e stranieri residenti in Italia, con sanzione di 100 euro dall’1 di febbraio per chi non si sottopone alla vaccinazione. Le regole attualmente in vigore in Francia consentono di entrare in ristoranti, bar o utilizzare i treni interregionali in caso di guarigione dal Covid-19, di avvenuta vaccinazione oppure con un test negativo.


# Il premier spagnolo all’Europa: trattare il Covid come un’influenza

Il primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, chiede all’Europa che è arrivato il momento di monitorare la pandemia in modo diverso, a causa dell’evidente calo del numero dei morti e della letalità, confermando notizie diffuse da El Pais, secondo cui il governo sta pensando a metodi di monitoraggio alternativi.

“Abbiamo le condizioni aprire, gradualmente e con cautela, il dibattito a livello tecnico ed europeo, per iniziare a valutare l’evoluzione di questa malattia con parametri diversi da quelli che abbiamo fino ad ora”, ha detto Sanchez in un’intervista alla stazione radio Cadena Ser.

Il prossimo passo del governo spagnolo sarà, secondo El Pais, di curare il Covid in un modo più simile all’approccio ad una comune influenza: senza contare ogni caso di contagio, senza fare test davanti alla comparsa di un minimo sintomo. Trattarlo insomma come un’altra malattia respiratoria. Le autorità sanitarie spagnole stanno lavorando da mesi a questa transizione e ora intendono chiedere che tutta Europa si adegui a questo modello di gestione (AGI).



Continua la lettura con: SENZA vaccino e MAI infettati? In Italia sono SOLO il 7%

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteCome si dice STALKING in milanese?
Articolo successivoIl paese europeo che ha 5 STAGIONI
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.