🔴 Nuovo RECORD del prezzo del GAS. Allarme in USA e in UK: le famiglie non pagano più le BOLLETTE

Nuovo record del prezzo del gas che ha sfondato quota 300 euro. Ma le notizie più drammatiche arrivano da USA e UK

lavnatalia - Pixitalia

25 agosto. Nuovo record del prezzo del gas che ha sfondato quota 300 euro. Il contratto sul future del gas naturale in apertura ha segnato un nuovo record  a 302 euro al megawattora. Dopo poco meno di un’ora di scambi resta poco sotto i massimi a 299,75 euro. Il rialzo dei costi energetici sembra non dare tregua ad aziende e famiglie. Da UK e USA arrivano segnali di allarme: sempre più persone non pagano la bolletta. 

Nuovo RECORD del prezzo del GAS. Allarme in USA e in UK: le famiglie non pagano più le BOLLETTE

# USA: 20 milioni di famiglie (1 su 6) non riescono a pagare la bolletta

Si sta andando verso uno “Tsunami delle interruzioni”: 1 famiglia americana su 6 è in ritardo con il pagamento della bolletta energetica. 20 milioni di case negli Stati Uniti sono a rischio di sospensione della fornitura, riporta Bloomberg, citando i dati del Associazione Nazionale Direttori di Assistenza Energetica (Neada).


La rivista americana riporta già casi di chiusura delle forniture, come è il caso di “Adrienne Nice che si è svegliata la mattina del 25 luglio ricevendo una notizia che temeva. La compagnia elettrica aveva interrotto l’elettricità al piccolo appartamento di Minneapolis che condivide con suo figlio adolescente, proprio mentre un’ondata di caldo si abbatteva sulla città.” L’interruzione è stata attivata dopo il mancato pagamento di 3.000 dollari di bollette scadute. Quello che è capitato ad Adrienne presto potrebbe estendersi a milioni di altre famiglie, scatenando un vero e proprio tsunami sociale senza precedenti. 

Ma questo è niente rispetto a quello che può capitare in Europa dove, ricorda Bloomberg, “la crisi della bolletta elettrica è ancora più elevata, dove l’impennata dei prezzi del gas naturale è stata di gran lunga maggiore sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.” Le difficoltà di sostenere i costi dell’energia stanno innescando un movimento di protesta in UK.

# UK: “Non pagate più le bollette di gas ed elettricità”. Nasce il movimento contro il caro vita



Il rischio che il banco salti ancora prima viene dal movimento di protesta in UK dove si invitano le famiglie a non pagare più le bollette. Se dovesse estendersi in patria e a livello internazionale si potrebbe arrivare a un crack di sistema di cui è impossibile immaginare le conseguenze. 

Si chiama Don’t Pay UK e l’obiettivo è di organizzare una massiccia azione di protesta l’1 ottobre quando ci sarà il nuovo aumento del costo dell’energia. Quasi centomila persone hanno già aderito all’iniziativa che sta rapidamente estendendosi nel paese. 

Le ultime analisi sulla crescita dell’inflazione rapportate al costo della vita anticipano che la bolletta domestica media supererà le 3.300 sterline all’anno, con un picco che potrebbe arrivare a 4.200 sterline a partire da gennaio del prossimo anno.

Per tale motivo i principali sostenitori di Don’t Pay UK spingono affinché le famiglie britanniche si rifiutino di pagare le bollette a partire da ottobre.

Fonti: Londraitalia.com Bloomberg.com

Continua la lettura con: Presto saremo tutti miliardari. Come nello Zimbabwe

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.