🛑 Nuova data per l’INAUGURAZIONE della M4: che sia la volta buona?

Doveva avvenire a gennaio, poi a febbraio, quindi ad aprile, infine scomparso nel nulla. Silenzio. Ora il sindaco ci riprova

Credits: primalamartesana.it - Metro M4

Una storia che sta imbarazzando non poco i vertici della città potrebbe giungere alla fine. Si tratta dell’inaugurazione del primo mini tratto della M4. Doveva avvenire a gennaio, poi a febbraio, quindi ad aprile, infine scomparso nel nulla. Silenzio. Ora il sindaco ci riprova: questa la nuova data per vedere sfrecciare i primi vagoni della linea blu. 

Leggi anche: inaugurazione fantasma


Nuova data per l’INAUGURAZIONE della M4: che sia la volta buona?

Tra ritardi vari, pandemia, ritrovamenti di interesse storico e archeologico (ultimo in zona de Amicis) pare che finalmente potremo assistere all’inaugurazione del primo tratto della tanto attesa Linea 4. La linea che collegherà l’aeroporto di Linate alla città con un percorso che andrà da est a ovest per concludersi, almeno per quanto riguarda il progetto iniziale, con la fermata di San Cristoforo, in pratica all’incrocio tra Ludovico il Moro e il cavalcavia di via Pietro Giordani verso Corsico.

La nuova data è fissata per il mese di luglio, questa la promessa del sindaco Sala. 



Alcuni numeri

Credits: wiikipedia.org

Caratterizzata dal colore Blu, attesa come una chimera perché sarà funzionante dopo che da anni in funzione la linea 5 (la Lilla), la linea 4 darà un’ulteriore spinta di internazionalizzazione di Milano che avrà finalmente, come molte città europee, un collegamento tramite metropolitana tra la città e l’aeroporto. 21 fermate, intersezioni con linea 1, 2, 3 e la futura circolare, 15 km circa di tracciato, 40 veicoli bidirezionali composti da 4 casse intercomunicanti, circa 90 secondi tra un veicolo e quello successivo negli orari nervralgici, questi alcuni numeri della linea più attesa a Milano.

Le mancate inaugurazioni

Credits: www.affaritaliani.it

Dopo i primi proclami che facevano intendere una inaugurazione entro il 2015, anno dell’Expo, le date sono state dichiarate e smentite diverse volte: gennaio, febbraio, infine aprile. Certamente sia il Covid che i continui stop, dovuti a vari problemi e ritrovamenti archeologici, non hanno giovato al completamento dei lavori. Questa volta, però, il sindaco Sala sembra intenzionato a mantenere la promessa e rendere fruibile il primo breve tratto della linea 4. Se è vero che sarebbe meglio fare una apertura unica per tutto il percorso è altrettanto vero che in previsione di una riattivazione quasi totale delle attività aeroportuali di Linate avere un servizio aggiuntivo ai bus e taxi dovrebbe essere un plus che Milano non può più attendere.

Contributo ecologico

Non meno importante è l’impatto ambientale che la M4 garantirebbe una riduzione di circa 30 milioni di spostamenti annui su auto, 2% di emissioni e 16 milioni di tonnellate di petrolio. Inoltre è prevista, per fine lavori, una piantumazione aggiuntiva di 1900 alberi oltre a quelli abbattuti (molti secolari…) per effettuare i lavori di realizzazione delle gallerie.

Che dite, sarà la volta buona?

Continua la lettura con: 7 cose che non sapete sulla M4

ROBERTO BINAGHI

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteUn anno di MEZZI di TRASPORTO pubblico GRATIS? Questi sono i RISULTATI
Articolo successivoLa LUSILOREULA: a Milano la PASSEGGIATA tra le LUCCIOLE
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.