🛑 MILANO NON è una città per i GIOVANI: solo 76ima in Italia per qualità della vita

Sta diventando solo una città per anziani? I preoccupanti dati sulla qualità della vita nell'ultima classifica de Il Sole 24 ore

Credits: mianews.it Giovani a Milano

Milano, la bella e grande Milano. Unica in Italia e difficile da eguagliare. La metropoli internazionale, capitale della moda e del design, capitale del lavoro in Italia. Eppure, non è una città per giovani. Non solo: non lo è neanche per bambini. Sta diventando solo una città per anziani? I preoccupanti dati sulla qualità della vita. 

🛑 MILANO NON è una città per i GIOVANI: solo 76ima in Italia per qualità della vita

Nella classifica del Sole24Ore sulla qualità della vita, Milano si posiziona bassissima sia per i bambini che per i giovani, mentre entra a pelo nella top 10 per gli over 65.


# La classifica sulla qualità della vita del Sole24Ore

Ogni anno il Sole24Ore stila una classifica sulla qualità della vita nelle città italiane, distinguendo anche dove è migliore per i bambini, i giovani e gli over 65, dato che sono tre fasce di età che richiedono servizi differenti. Le 3 più grandi città italiane, Roma, Milano e Napoli, si sono posizionate a livelli bassissimi nonostante la loro importanza. Il capoluogo lombardo è al 42esimo posto per i bambini e addirittura al 76esimo per i giovani. Si salva solo nella fascia più anziana: al 10imo per gli over 65.

# Milano non è adatta ai giovani: affitti alle stelle e alta disoccupazione giovanile

Credits: lab24.ilsole24ore.com
Valutazione Milano per i giovani

Milano non è adatta ai giovani, è questo che dice il Sole24Ore. Ciò che sorprende è come una città così importante come è quella meneghina si sia posizionata ad un livello così basso. Sì è vero gli affitti sono molto alti per i giovani, ma non è il solo motivo perché la città non è per gli under 35. Milano è la terza città italiana con il maggior numero di persone laureate, ma se si osserva l’occupazione giovanile tra i 15 e i 29 anni si nota come la città scenda drasticamente all’88esima posizione e rimane molto bassa anche per l’imprenditorialità giovanile.

# Milano indietro nello sport e perfino nel divertimento

Altro grande problema di Milano è la mancanza di aree sportive all’aperto, seppure i parchi di Milano non sembrano pochi per questo indicatore la città è al 100esimo posto. E se la famosa movida milanese è conosciuta da tutti, in realtà la città meneghina non raggiunge posizioni tanto alte neanche per i bar e le discoteche, rimane ad un misero 48esimo posto.



# La Romagna è la regina dei giovani. Trento per gli anziani

Credits: lab24.ilsole24ore.com
Classifica qualità della vita

E se Milano non è per giovani l’Emilia Romagna domina la classifica con Ravenna, Ferrara e Forlì-Cesena rispettivamente al primo, secondo e terzo posto. Per la qualità della vita dei bambini è invece Cagliari la migliore, mentre Milano per la maggior parte degli indicatori si posiziona tra la 20esima e la 40esima posizione, ad eccezione dello spazio abitativo disponibile, dove è penultima, e nella retta media per asili, dove è terza. Per gli anziani è invece Trento a vincere, ma Milano entra nella top 10 grazie soprattutto all’importo medio della pensione per la vecchiaia dove è prima.

Continua la lettura con: La regione che punta un MILIONE di EURO sui GIOVANI: un esempio per le altre?

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.