🛑 Luglio 2021 a CONFRONTO con l’ANNO SCORSO: quale è la situazione di ricoveri, contagi e decessi

Confrontare i dati di quest'anno con quelli dell'anno scorso consente di evitare facili illusioni e soprattutto di prepararsi per l'autunno nel modo migliore

Credits in_telegram_veritas - Raffronto ricoveri-decessi Luglio 2020-2021

La campagna vaccinale prosegue a ritmo sostenuto anche in Italia, il 60% della popolazione ha ricevuto almeno una dose, e ospedalizzazioni e decessi sono in calo. Merito quindi dei vaccini? Cerchiamo di capire quanto è il reale impatto confrontando i dati di quest’anno con lo stesso periodo dell’anno scorso.

Luglio 2021 a CONFRONTO con l’ANNO SCORSO: quale è la situazione di ricoveri, contagi e decessi

# Nel 2020 i parametri di ospedalizzazione e decessi erano migliori 

Credits in_telegram_veritas – Raffronto ricoveri-decessi Luglio 2020-2021. Fonte: dati ufficiali Ministero della Salute

La campagna vaccinale in Italia prosegue a ritmo sostenuto, il 37,6% ha ricevuto entrambe le dosi e il 59,3% almeno una. Il dato sembra riflettersi anche sui parametri di ospedalizzazioni, in calo costante da inizio luglio e sui decessi che, nei primi 9 giorni del mese, non hanno superato le 31 unità. Questo risultato è davvero merito dei vaccini o di altri fattori quali la stagionalità? Per capirlo è sufficiente fare un raffronto con lo stesso periodo del 2020.


Vediamo i numeri nel dettaglio dal primo al nove luglio 2020 e 2021:

  • i ricoveri normali erano 8.845 nel 2020, mentre nel 2021 nello stesso periodo sono 11.965: il 35,3% in più nel 2021;
  • i ricoveri in terapia intensiva nel 2020 erano 675, contro i 1750 del 2021: il 159,3% in più nel 2021;
  • i decessi: nel 2020 erano 159, a luglio di quest’anno 190, il 19,5% di morti in più nel 2021.

# In base alla stagionalità la curva dei contagi dovrebbe risalire da settembre, a seguire ricoveri e decessi

Se il Covid-19 continuasse a seguire lo stesso andamento stagionale avuto sinora, con minori infezioni nei mesi caldi, la ripresa in autunno, e un picco invernale, tra fine e agosto e inizio settembre dovremmo assistere a una piccola ripresa dei contagi per poi essere più marcata a inizio ottobre. Ricoveri e decessi dovrebbero seguire poco dopo. Vediamo cosa è successo nel 2020.

Credits Jhu Csse – Risalita contagi 2020

Dopo l’appiattimento della curva dei contagi registrato tra fine maggio e fine di agosto 2020 si è avuta una timida risalita a cavallo tra agosto e settembre: dai 401 casi del 22 agosto si è arrivati ai 1732 del 4 settembre, per poi assistere a una crescita esponenziale dalla seconda settimana di ottobre con 4.458 nuovi positivi il giorno 8. Il 13 novembre si è registrato il picco massimo di tutta la pandemia con 40.902 casi di positività.



Credits ourworldata.org – Risalita ricoveri 2020

La stessa dinamica ha riguardato le curve relative alla crescita di ricoveri normali e in terapia intensiva con la salita decisiva attorno al 14 ottobre, con 5.042 persone ricoverate, 437 in terapia intensiva. Il picco di ospedalizzazione si è avuto il 26 novembre con 38.079 ricoveri, di cui 3.804 in terapia intensiva.

Creditd Jhu Csse – Risalita decessi 2020

Anche l’ultimo indicatore, riguardante i decessi, ha replicato lo stesso andamento, pur con qualche settimana di differenza per gli effetti di contagi e ricoveri, con la curva ha che iniziato la salita attorno al 21 ottobre, quando i decessi erano stati 127. La punta massima punta massima di 993 morti è stata registrata il 3 dicembre.

Questi dati possono comprendere che potrebbe essere illusorio puntare tutto sui vaccini, mentre forse si dovrebbe preoccuparsi in anticipo di potenziare le strutture ospedaliere e di migliorare i protocolli di cura dei malati. 

Continua a leggere con: Johnson: “CONVIVERE con il Covid come con l’INFLUENZA”. In UK le restrizioni diventeranno FACOLTATIVE?

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Leggi anche: Tifosi aggrediti e picchiati a Londra: un brutto spettacolo. E gli inglesi si dimostrano i brocchi d’Europa

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.