L’Italia e le altre: date APERTURA STAGIONE e REGOLE per SCIARE sulle Alpi

Ecco da quando si può sciare e le regole previste da ogni Paese. Austria la più restrittiva, Francia e Svizzera aperte per tutti

Credits: @magna_carta_formation IG

Ecco da quando si potrà correre lungo le piste da scii e quali sono le regole previste da ogni Paese.

L’Italia e le altre: date APERTURA STAGIONE e REGOLE per SCIARE sulle Alpi

# In Italia piste aperte dal 27 novembre, con alcune eccezioni

Credits: @cortinadolomiti (INSTG)

In Italia la stagione sciistica comincia di norma attorno alla metà di novembre per concludersi alla fine di aprile. Alcune località hanno però già aperto i loro impianti, come Val Senales, in Alto Adige, dal 17 settembre e il Cervino Ski Paradise in Valle d’Aosta dal 6 novembre.


Le prossime località ad aprire agli sciatori saranno:

  • Asiago (Veneto), Bardonecchia (Piemonte), Cortina d’Ampezzo (Veneto), Courmayeur (Valle d’Aosta), Riserva Bianca/Limone Piemonte (Piemonte), Alagna Valsesia/​Gressoney-La trinité/​Champoluc/​Frachey (Piemonte) dal 27 novembre;
  • i comprensori di Via Lattea – Sestriere/​Sauze d’Oulx/​San Sicario/​Claviere/​Monginevro in Piemonte, la Val Gardena e la Val Badia dal 4 dicembre;

# Le regole per sciare in Italia: obbligo di green pass, mascherina e dal 2022 anche una polizza assicurativa

Le regole per poter sciare in Italia risentono ancora delle restrizioni contro la pandemia da Covid-19. Nello specifico è previsto:

  • per gli over 12 l’obbligo di Green Pass per utilizzare gli impianti di risalita, da presentare ai tornelli di accesso di funivie, cabinovie, seggiovie o skilift;
  • l’obbligo di indossare la mascherina durante la fruizione degli impianti e negli spazi comuni di accesso;
  • la capienza degli impianti sarà al 100% per quelli con risalita all’aperto come skilift o seggiovie senza cupolino antivento, all’80% su cabinovie, funivie e seggiovie, che dovranno viaggiare con i finestrini abbassati per favorire l’aerazione, la capienza si abbassa all’80%. 

Inoltre dal 1 gennaio 2022 scatta l’obbligo del casco per chi ha meno di 18 anni e della sottoscrizione di una polizza assicurativa per coprire eventuali danni a terzi in caso di incidenti sulle piste da scii.



# In Austria la stagione è già iniziata, anche se molte stazioni apriranno tra fine novembre e fine dicembre. Gli impianti, le piste e gli hotel sono però accessibili solo a chi è vaccinato

Credits anileveanileve IG – Stubai Austria

In Austria la stagione sciistica è già iniziata, anche se molti impianti apriranno tra la fine di novembre e la fine di dicembre, ma potranno scendere lungo le piste da scii solo le persone vaccinate. Infatti le ultime disposizioni previste dal governo austriaco consentono di accedere a ristoranti, pernottare negli hotel, prendere gli impianti di risalita e visitare una delle cinque grandi aree sciistiche (Stubai, Sölden, Hintertux, Pitztal e Kaunertal) solo a chi è in possesso di Green Pass rilasciato dopo almeno una dose di vaccino.

# In Francia molti impianti aperti già dal ponte di Ognissanti. Previsto obbligo di mascherina, il Green Pass invece solo in caso di aumento incidenza dei contagi

Credits yaechanpapydaisuki IG – Cabinovia Chamonix Francia

In Francia il ponte di Ognissanti ha coinciso con l’apertura di molti impianti sciistici. Le norme contro il Covid-19 sono lievemente meno limitanti rispetto al nostro Paese. La mascherina è obbligatoria nelle file per gli impianti di risalita e all’interno delle telecabine, dove permane la regola del distanziamento. Il Green Pass sarà richiesto solo se il tasso d’incidenza dei contagi di Covid-19 supererà i 200 casi ogni 100mila abitanti su scala nazionale.

# In Svizzera nessun obbligo di Green Pass

Credits: Mattern Horn Race

In Svizzera i primi 5 impianti sciistici già aperti sono: Breuil-Cervinia/​Valtournenche/​Zermatt – Cervino, Titlis – Engelberg, Parsenn (Davos Klosters), Saas-Fee,  Glacier 3000 – Les Diablerets. Gli altri apriranno tra il 13 novembre e il 18 dicembre

Il gruppo Funivie Svizzere ha deciso di equiparare le regole per le cabinovie e funivie a quelle per i trasporti pubblici e pertanto non sarà richiesto il Green Pass per salire a bordo. Rimane soltanto l’obbligo di indossare la mascherina nelle cabine e nei locali al chiuso così come il distanziamento all’interno degli edifici.

Leggi anche: La FUNIVIA più ALTA (e più lussuosa) del mondo sta per raggiungere l’Italia

Fonte: SiViaggia

Continua a leggere con: 40 MILA EURO per TRASFERIRTI in MONTAGNA

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it (c)

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Lo stadio Meazza, ovvero il fallimento (per ora) della politica e della comunicazione

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteI nomi più STRANI dati ai GRATTACIELI
Articolo successivoLa contro rivoluzione degli artisti
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.