🛑 La storia infinita della CICLABILE di Buenos Aires: SPARIRANNO anche i PARCHEGGI

La proposta dei commercianti non ferma il piano del Comune di Milano, che anzi rilancia. Ecco i lavori previsti

Credits: bollettino.bici.milano.it

La proposta dei commercianti non ferma il piano del Comune di Milano, che anzi rilancia: la pista ciclabile si allarga e cancella i marciapiedi. Ecco i lavori previsti.

La storia infinita della CICLABILE di Buenos Aires: SPARIRANNO anche i PARCHEGGI

# Il Sindaco Sala: “Nessun ripensamento. Sogno una pista ciclabile dritta senza parcheggi come nei grandi viali europei

Credits: www.7giorni.info

Il sindaco Beppe Sala durante un appuntamento elettorale organizzato dal PD risponde alle polemiche dei commercianti di Corso Buenos Aires, che hanno bocciato la pista ciclabile: “Sulla ciclabile Buenos Aires – Venezia sistemeremo alcune cose, raccogliamo suggerimenti: io rispetto il lavoro dei commercianti ma d’altro canto posso ricordare la reazione dei commercianti di corso Vittorio Emanuele, via Dante e via discorrendo. Il cambiamento è vissuto in prima istanza male, poi ti guardi indietro e vedi il vantaggio“. 


Quindi nessun ripensamento, solo alcune modifiche in agosto nei tratti più delicati, perché il piano della giunta prosegue e il prossimo passo è la cancellazione di parcheggi in strada: “il sogno finale è quello di una pista ciclabile dritta quando si potrà non avere parcheggi sul corso come nei grandi viali europei” conclude il sindaco nel suo intervento.

# I lavori prevedono marciapiedi e ciclabile più larga, oltre alla cancellazione di parcheggi auto e moto

Il progetto dell’amministrazione milanese prevede, nel mese di agosto, alcuni interventi di miglioramento dei punti critici della pista ciclabile e nel tratto tra piazza Oberdan e viale Tunisia alcune modifiche a favore sostanziali. Ecco cosa verrà fatto:

  • allargamento del marciapiede,
  • una ciclabile larga più di due metri e mezzo, 
  • eliminazione dei parcheggi per auto e moto con il conseguente allargamento della carreggiata rispetto a quella attuale, circa 4,7-4,8 metri.

L’assessore alla mobilità Marco Granelli spiega la scelta: “siamo a 9.000 ciclisti al giorno nel mese di maggio. Per questo confermiamo la ciclabilità e la miglioriamo. Sul tema della scarsità dei parcheggi commenta: “le auto potranno parcheggiare nei posti auto nelle vie laterali, nei parcheggi sotterranei, ma soprattutto chi va a fare acquisti in Buenos Aires può andare in bici o in metropolitana“.



# Continuano le proteste dei commercianti: “Insensato paragonare la pedonalizzazione del centro storico con la ciclabile di Corso Venezia

Credits: www.mitomorrow.it

Il segretario generale di Confcommercio Milano, Marco Barbieri, trova insensato paragonare la pedonalizzazione del centro storico con la pista ciclabile di Corso Buenos Aires: “La pedonalizzazione tra via Dante e corso Vittorio Emanuele con la pista ciclabile in Corso Venezia e Corso Buenos Aires non è paragonabile. Si tratta di modalità, tempi e situazioni strutturali completamente diverse. […] Oltretutto con un parco auto che tra ibride ed elettriche sta diventando sempre più sostenibile. Con il ritorno completo alla normalità […] la città rischia la paralisi. Basta immaginare le settimane della moda o del mobile“.

Leggi anche: La CICLABILE di PORTA VENEZIA: green dream o incubo metropolitano?

CONTINUA LA LETTURA CON: Quel pasticciaccio brutto della CICLABILE di BUENOS AIRES: “ha generato il caos, bisogna toglierla”. La protesta dei commercianti

FABIO MARCOMIN

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.