La METRO di Milano avrà una STAZIONE FANTASMA?

Arriva un nuovo stop a tempo indeterminato

0
Hub m1-m5 a Monza Bettola

In 12 anni di lavori non si è riusciti a realizzare 1,9 km di metropolitana. Ora arriva un nuovo stop a tempo indeterminato. 

La METRO di Milano avrà una STAZIONE FANTASMA?

# La stallo sul prolungamento della M1 verso Monza

Hub m1-m5 a Monza Bettola

Se a fine febbraio si parlava di slittamento al 2026 dell’estensione della linea M1 verso Monza, la notizia più recente potrebbe portare a uno stop al progetto per un periodo di tempo indeterminato. L’ultima società appaltante ha infatti risolto il contratto e ci vorranno almeno altri 18 mesi solo per trovarne un’altra.

Tra i motivi di questa decisione la mancata realizzazione di alcune opere come manufatti essenziali per la metropolitana e il centro commerciale sopra il futuro capolinea di M1, e anche di M5, da parte di altre aziende incaricate. Come ricorda infatti l’associazione HqMonza “la stazione di Cinisello Bettola per M1 e M5 è stata inserita, insieme alla realizzazione di 2.500 parcheggi sotterranei, in una convenzione collegata alla licenza edilizia per la realizzazione del nuovo mega centro commerciale ex Auchan. Doveva essere finito nel 2021 e invece non è stato posato un solo mattone.”

# Gli esposti dell’associazione HqMonza per il cantiere aperto da 12 anni, per 1,9 km di linea e 2 fermate, e ancora in alto mare

Credits: Urbanfile – Prolungamento Monza Bettola

Dopo 12 anni di lavori non si è riusciti a realizzare 1,9 km di metropolitana e due stazioni, Sesto Restellone e Cinisello-Bettola, che avrebbero dovuto inaugurare per Expo2015. Per questo motivo l’associazione HqMonza ha deciso di presentare due esposti all’Anac e al Sifip (servizio ispettivo nazionale della finanza pubblica) per capire se “siamo di fronte o no a una economica, trasparente ed efficiente esecuzione dei progetti e degli appalti. Chiediamo due ispezioni che possano far luce una volta per tutte sull’intrico di accordi, convenzioni, progetti, appalti, finanziamenti che si è sviluppato intorno al prolungamento della M1 e alla realizzazione della nuova stazione M1-M5 di Bettola”.

Leggi anche: METRO Kafkiana: la M1 a MONZA slitta al 2026

# Cinisello-Bettola rischia di rimanere una stazione fantasma

Credits arpan98 IG – Cantiere Bettola M1

Nel 2019 era avvenuto la rottura del diaframma, la barriera di cemento che che divideva le due gallerie: una partita da Cinisello Balsamo e l’altra dall’attuale capolinea di Sesto FS. Il tunnel del prolungamento è di fatto completato per intero ma mancano le infrastrutture. Per quanto riguarda le due stazioni quella più indietro sulla tabella di marcia è Cinisello Bettola, attualmente un “cratere” dove avrebbe dovuto esserci il centro commerciale e dove si vede la galleria al grezzo e poco più, che rischia di rimanere una stazione fantasma. Un problema che però andrebbe a coinvolgere anche la stazione di Sesto Restellone, in fase avanzata e con i binari già posati, che però non potrà entrare in funzione finché non sarà attivo il capolinea.

Fonti: Primamonza

Continua la lettura: Il CENTRO COMMERCIALE FANTASMA sopra la futura stazione della METRO di Milano

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteMerenda Time: TORTE STORTE come a CASA
Articolo successivo“Project Allegro”, l’ALTA VELOCITÀ LOW COST punta sull’ITALIA: i TRENI da e per MILANO
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.