🛑 “Il problema più significativo per i Giochi”: ALLARME per la nuova ARENA di Milano

A rischio il termine dei lavori nei tempi previsti

Credits eventimsi IG - Rendering PalaItalia

Una controversia giudiziaria sta bloccando il progetto del PalaItalia. A rischio il termine dei lavori nei tempi previsti.

“Il problema più significativo per i Giochi”: ALLARME per la nuova ARENA di Milano

# Il presidente del Coni Malagò: “Santa Giulia è il problema in assoluto più significativo del dossier olimpico in termini temporali

Credits fabrizio_turba IG – Evento Territori Olimpici

Il presidente del Coni Giovanni Malagò, intervenuto a un convegno in Regione dal titolo “Territori olimpici: la Lombardia protagonista’’, non nasconde la preoccupazione in vista delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026 in merito alle infrastrutture e alle opere che dovranno essere realizzate. Oltre al ritardo di quasi due anni per la costituzione della società, che si occuperà di realizzare e migliorare i collegamenti con le varie sedi olimpiche tra Lombardia e Veneto, la situazione più allarmante riguarda la futura arena per l’hockey su ghiaccio: “Santa Giulia è il problema in assoluto più significativo del dossier olimpico in termini temporali. Questo è un dato di fatto“.


# Un ricorso al Tar sta bloccando l’iter per la realizzazione del PalaItalia

Credits eventimsi IG – Progetto Pala Italia

L’impianto da circa 15.000 posti, che verrà costruito nel quadrante di Santa Giulia nord, e che ospiterà le partite olimpiche di hockey su ghiaccio maschile, è oggetto di un ricorso al Tar proposto dal gruppo Cabassi, proprietario del Mediolanum Forum di Assago. Il motivo di contestazione è l’iter amministrativo e gli atti con cui il Comune ha affidato al privato proprietario dei terreni di Santa Giulia, Risanamento Spa, la costruzione del PalaItalia. Nonostante i lavori di bonifica sull’area procedano, la Cts Eventim, incaricata della progettazione, edificazione e gestione del nuovo palazzetto, non potrà muoversi fino alla definizione della controversia giudiziaria.

Leggi anche: Anche Milano avrà una ARENA. E sarà la più GRANDE d’Italia

# I tempi sono strettissimi, entro il 2025 dovranno essere terminati i lavori del palazzetto

Credits eventimsi IG – Rendering PalaItalia

Per realizzare la nuova arena mancano poco più di tre anni e i tempi sono quindi molto stretti. Il contratto sottoscritto in seguito all’assegnazione dei giochi olimpici prevede infatti che gli impianti sportivi debbano essere agibili da gennaio 2025 per poter far delle gare test. Il commento su Il Giorno del Presidente del Coni Giovanni Malagò: “Questo vuol dire avere gli impianti a gennaio 2025, siamo esattamente a tre anni da tutto questo. Sono orgogliosissimo e meno male che ci agganciamo al Pnrr, ma se non si accelera… Siamo onesti, conosciamo la realtà del nostro Paese“.



Continua la lettura con: Olimpiadi 2026 “Milano-Cortina”: il progetto per il treno verso l’aeroporto di Venezia ha il via libera

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Olimpiadi di Pechino, il boicottaggio soft di Biden e il silenzio di Bruxelles

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.