I 5 MIGLIORI PANETTONI ARTIGIANALI del 2021

La lista dei migliori panettoni artigianali secondo il Gambero Rosso

Credits altromercato IG - Panettone Don Bosco

Il Gambero Rosso ha stilato la lista dei migliori panettoni artigianali prodotti nelle grandi pasticcerie, nei laboratori artigiani, nei forni e in altre realtà che producono in modo artigianale e senza conservanti. Sono stati provati 40 panettoni, nei formati tradizionali alto tipo Milano e basso tipo galup, ma anche le forme intermedie, in un blind test. Ecco i migliori di quest’anno.

I 5 MIGLIORI PANETTONI ARTIGIANALI del 2021

#5 Il Panificio D’angelo: il panettone classico che arriva dalla Sicilia

Credits panificio_dangelo IG – Panettone classico

Dalla Sicilia ecco il panettone milanese del Panificio D’angelo di Palermo. La valutazione in sintesi della degustazione: “Alto, slanciato, ben lievitato, con una scarpatura ben realizzata, il colore della mollica è molto naturale, la trama è ricca di frutta ben distribuita e di ottima qualità. Buoni gli aromi al naso, onesti ed eleganti, goloso e dolce senza estremismi.”

Tra gli altri panettoni selezionati spiccano il panettone basso della “pasticceria Fiasconaro”, quello del “Forno Gentile” e del “Sal De Riso Costa d’Amalfi“, i panettoni con glassa alle mandorle del “Gran Caffè Romanoe del pluripremiato Iginio Massari.

#4 Dal Veneto “Il Chiosco” di Francesco Ballico

Credits giuliano.guzzo IG – Panettone classico Il Chiosco

Un altro panettone classico è quello de “Il Chiosco” di Francesco Ballico in provincia di Vicenza. Ecco una breve descrizione dei giurati: “Preciso, uniforme, rotondo: un panettone con una bella faccia, molto invitante così scuro e composto. L’alveolatura fitta ma uniforme, ordinata e gradevole è punteggiata di frutta, soprattutto uvetta, e di vaniglia.

#3 Cremeria Capolinea, panettone all’emiliana

Credits cremeriacapolinea IG – Panettone classico

Entra tra i migliori il panettone classico della Cremeria Capolinea di Reggio Emilia. Una breve sintesi della degustazione: “Qualche imprecisione nella forma e nella cottura, al taglio rivela una struttura di colore giallo chiaro punteggiata di vaniglia ben visibile e frutta in giusta quantità. Gli alveoli sono irregolari e al naso si sentono aromi di tostatura e note lattiche decise.

#2 Panificio Ascolese, il panettone con glassa ricca di mandorle della Campania

Credits panificioascolese.com – Panettone con glassa

Dal Panificio Ascolese di San Valentino Torio (SA) arriva un panettone basso e coronato da una glassa chiara a base di mandorle, come da tradizione piemontese. All’interno un soffice impasto di colore giallo carico e ricco di morbida uvetta e scorze di arancia candita.

#1 Renato Bosco, il miglior panettone milanese è fatto in Veneto

Credits altromercato IG – Panettone Bosco

Il miglior panettone è quello di Renato Bosco prodotto a San Martino Buon Albergo (VR), il classico milanese con canditi e uvetta. Una breve sintesi della degustazione: “Un panettone molto elegante: di un bel color nocciola brunito in modo omogeneo. Cottura uniforme, magnifica lievitazione, al naso è equilibrato, pulito, fresco, molto piacevole, con un corredo aromatico coerente. agrumato (di canditi buonissimi) uvetta di grosso calibro dolce e consistente. Realizzato in maniera ottimale, racconta il Natale in modo perfettamente riconoscibile.

Continua la lettura con: 5 RISTORANTI ETNICI TOP di Milano (con la loro imperdibile specialità)

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa controrivoluzione italiana
Articolo successivoCome si dice TRUZZO in milanese?
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.