Le AUTO DA FAVOLA che potremmo vedere nel FUTURO

Cinque gioielli motoristici che potrebbero arrivare sulle nostre strade

Credits motorionline.com - Bmw Vision Next

Nel prossimo futuro le auto saranno quasi esclusivamente elettriche, a guida autonoma e con tecnologie solo oggi impensabili nei veicoli di uso quotidiano. Vediamo quali gioielli potremmo ammirare negli anni a venire.

Le AUTO DA FAVOLA che potremmo vedere nel FUTURO

#1 Bmw Vision Next: l’auto che cambia forma

Credits motorionline.com – Bmw Vision Next

La BMW Vision Next 100 è il concept che ha celebrato il centenario del costruttore bavarese e che anticipa quello che potrebbe concretizzarsi presto nel futuro dell’industria automobilistica: una vettura caratterizzata da una significativa spinta all’innovazione e alla sperimentazione. L’auto a guida autonoma è caratterizzata da sportelli ad ali di gabbiano e 4,90 metri di curve, connettività e servizi in rete.


La vera innovazione è l’Alive geometry: una plancia composta da oltre 800 triangoli che cambiando posizione, possono variare la forma, in modo da avere molte funzioni senza abbinare più dispositivi. Anche all’esterno, i materiali stampati in 3d aggiungono una quarta dimensione: i passaruota ad esempio possono adattare la propria forma per seguire le ruote anche nelle fasi di sterzatura, ottimizzando l’aerodinamica.

#2 Renault 19_19 Concept, full electric ispirato al mondo dell’aeronautica

Credits Citroen – 19_19

Il secondo concept elettrico di Citroën, 19_19 Concept, realizzato in occasione del suo centenario esprime la visione della mobilità extra urbana della casa francese. Ispirato al mondo dell’aeronautica l’abitacolo è un vero salotto mobile, la scocca totalmente vetrata somiglia a una bolla trasparente. 19_19 Concept poggia su sospensioni intelligenti, che danno la sensazione di volare sulla strada, ha tecniche di guida autonoma e un assistente personale che interagisce con i passeggeri. Le prestazioni vedono uno scatto da 0 a 100 km in 5 secondi e una una velocità massima di 200 km/h. L’autonomia è incredibile: 800 km, e grazie a una ricarica a induzione ultrarapida senza cavo di ricarica si possono recuperare 600 km in 20 minuti.

#3 E-legend concept, il bolide elettrico dalla linea vintage di Peugeot

Credits peugeot – E legend

Il suo look rétro è ispirato alla 504 Coupé abbinato a tecnologie moderne, come il  powertrain elettrico da 462 CV e 800 Nm che le permette di toccare i 100 km/h da ferma in meno di quattro secondi, e raggiungere una velocità massima di 220 km/h. Con una sola ricarica può percorrere fino a 600 km, 500 dei quali sono ripristinabili in meno di mezz’ora. Tra i dettagli futuristici, c’è il piantone dello sterzo retraibile durante le fasi di guida autonoma e il sistema di ricarica wireless



#4 Ez-Ultimo, l’auto robot di lusso senza volante e posto guida di Renault

Credits Vehicle cue – Renaul EZ Ultimo

La Ez-Ultimo di Renault è pensata per andare incontro alle esigenze di clienti come gli hotel a cinque stelle o le compagnie aeree, per i passeggeri di business class, e agli operatori di servizi trasporto passeggeri di lusso. Il prototipo è spinto da un unico motore elettrico. Tutte le quattro ruote hanno funzione sterzante. Privo di volante e posto guida, è stata concepita attorno a un abitacolo per tre occupanti la cui privacy è assoluta grazie all’invisibilità dall’esterno. Lunga 5,70 metri l’auto ha l’aspetto di una futuristica limousine bicolore con interni rivestiti di legno, pelle e velluto bicolore e marmo di Saint Laurent des Pyrénées.

#5 Vision Urbanetic, la concept car modulare per persone e merci di Mercedes-Benz

Credits Dmove – Vision Urbanetic

Vision Urbanetic è un concept della Mercedes-Benz basato su veicoli modulari e autonomi, che vuole cambiare l’idea futura di mobilità cittadina come quella di eliminare la separazione tra persone in movimento e trasporto merci. Come veicolo per trasporto persone può ospitare fino a dodici passeggeri, mentre in modalità cargo può trasportare fino a dieci pallet di merce. I moduli vengono interscambiati automaticamente o manualmente. Queste auto modulari hanno al loro interno un un’unità IT che analizza in tempo reale la domanda e l’offerta di spostamenti in un’area definita. Il veicolo utilizza telecamere e sistemi di sensori per osservare l’ambiente nella sua interezza e comunicare attivamente con altri gli veicoli.

Continua a leggere con: L’auto più VELOCE del mondo SUPERA se stessa

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.