10 COSE da VEDERE a CITYLIFE, il nuovo quartiere del divertimento dei ragazzi di Milano

Grattacieli, verde, arte, cultura. Ecco cosa vedere nel quartiere "newyorchese" di Milano

Credits Andrea Cherchi - Citylife e fiori

Il quartiere “newyorchese”, nato sulle ceneri della vecchia fiera campionaria, è tra i preferiti dai ragazzi milanesi: moderno, verde e con ogni tipo di servizio. Scopriamo insieme le cose più belle da vedere.

10 COSE da VEDERE a CITYLIFE, il nuovo quartiere del divertimento dei ragazzi di Milano

#1 Torre Allianz, il grattacielo “infinito” con il più grande murale del mondo

L’EDIFICIO più ALTO in ogni MUNICIPIO di Milano
Credits Andrea Cherchi – Grattacielo Allianz

Il “Dritto” o Torre Allianz è l’edificio più alto d’Italia al tetto, 209 metri, e per numero di piani, 50. Per la sua struttura, che dà l’idea di un grattacielo senza una fine, viene soprannominato anche “endless tower”. Contando l’antenna arriva a 260 metri. Sulla sua sommità si trova come da tradizione una copia della Madonnina. Progettato dell’architetto giapponese Arata Isozaki assieme ad Andrea Maffei il grattacielo ospita al suo interno il più grande murale del mondo: Il giro del mondo in 50 piani. Realizzata dai dipendenti del gruppo Allianz si sviluppa lungo le le scale che salgono fino al tetto.

Leggi anche: Quale è il GRATTACIELO più ALTO d’Italia?

#2 Torre Hadid, lo “storto” che sembra scomparire nel cielo

Credits pietmassuger – Lo Storto

Lo “Storto” o Torre Hadid è il secondo grattacielo per altezza di Citylife. Disegnato dalla compianta Zaha Hadid, ha un’altezza di 177 metri per 44 piani e si contraddistingue per il suo movimento torsionale che diminuisce più si sale verso l’alto fino a scomparire del tutto negli ultimi piani. 

#3 Torre Libeskind, il “curvo” con la corona che si ispira alle cupole rinascimentali

Credits:
@deangelinadia (INSTG)

L’ultimo arrivato tra i grattacieli di Citylife è il “Curvo”, o Torre Libeskind, terminato nel 2021. Alto 175 metri per 30 piani ospita circa 3.000 dipendenti del società di revisione Pwc, ha un profilo inconfondibile che salendo verso l’alto esce sempre più dalla sagoma di partenza curvandosi verso l’interno. Sulla sua sommità una corona ispirata alle cupole rinascimentali italiane, un blocco in vetro e acciaio di oltre 30 metri, completa il profilo curvo della struttura.

#4 Lo shopping district, il centro commerciale urbano più grande d’Italia

Citylife Shopping District

Sotto le “Tre Torri” si sviluppa il City Life Shopping District è il più grande distretto urbano dedicato al commercio in Italia con 80 negozi, 1 supermercato, 20 ristoranti e bar, 7 sale cinema per un totale ben 1.200 posti e un poliambulatorio Humanitas. Lo Shopping District è composto da 3 aree collegate tra loro, progettate da  Zaha Hadid Architects, One Works e dallo studio ’Mauro Galantino e occupa complessivamente una superficie di 32mila metri quadrati. Al centro si trova poi una piazza all’aperto circondata da locali e negozi.

#5 Le Residenze Hadid, le grandi residenze di lusso a forma di scocca navale

Residenze Hadid Citylife

Oltre al commercio e al terziario nel nuovo quartiere milanese alcune aree sono destinate al residenziale. Le residenze Hadid, conosciute anche come “City Life Milano residential complex”, sono composte di sette grandi palazzi dai 5 ai 13 piani dove lo stile, il verde e la tecnologia sono i grandi protagonisti, che si sviluppano su 38.000 mq. Tutti gli edifici sono caratterizzati dalle stesse linee morbide e dai grandi balconi ricurvi che ricordano le navi da crociera. Al centro si trova un grande giardino pubblico su cui si affacciano queste  residenze di lusso.

#6 Le Residenze Libeskind, con imponenti facciate dalle geometrie asimmetriche

Credits: Valter Repossi – Urbanfile

Le residenze Libeskind si caratterizzano per le imponenti facciate dalle geometrie asimmetriche, in dialogo a distanza con le residenze Hadid, e per uno stile costruttivista voluto dal suo progettista. In totale sono otto palazzi con un’altezza che varia dai 5 ai 13 piani, 380 appartamenti di varie dimensioni e uno spazio occupato di oltre 150mila metri quadri a cui si aggiunge il giardino interno.

#7 Palazzo delle Scintille, l’edificio “superstite” della fiera in Art Nouveau 

Credits: Andrea Cherchi – Palazzo delle Scintille

L’unico edificio superstite della vecchia feria è il Palazzo delle Scintille, in stile Art Nouveau, realizzato nel 1923 e progettato dall’architetto Paolo Vietti Violi per ospitare un velodromo all’interno della vecchia fiera campionaria. Dopo anni di abbandono è stato recuperato grazie a un restauro conservativo e diventerà uno spazio che ospiterà eventi espositivi, ludici, musicali e sportivi.

#8 Gli orti fioriti, la campagna all’ombra dei grattacieli

Credits Andrea Cherchi – Orti Citylife

La natura in città: gli Orti Fioriti di City Life. Il progetto coinvolge l’associazione Orticola lombarda con l’obiettivo di promuovere il sapere e la tradizione italiana di orticoltura e giardinaggio. L’area di 3.000 mq è gestita dalla società che ha sviluppato City Life e curata dalla Cooperativa del Sole e al suo interno il visitatore può scoprire molte varietà di fiori, piante e ortaggi come si fosse in aperta campagna ma all’ombra dei grattacieli.

#9 Parco City Life, uno dei più grandi parchi cittadini che accoglie la varietà del paesaggio lombardo

Parco Citylife

Il quartiere di Citylife si contraddistingue per avere l’area pedonale più grande di Milano e una delle più grandi d’Europa e al suo interno c’è uno dei parchi più grandi della città: quasi 170.000 mq di verde pubblico. Il progetto paesaggistico riflette le caratteristiche di una città che accoglie in sé la varietà del paesaggio lombardo, ricreando il microcosmo di Milano e del suo territorio, in un’alternanza di prati e zone boscate, numerose aree di sosta, uno spazio dedicato al fitness e con disponibilità di wifi gratuito.

#10 ArtLine, la galleria di arte moderna all’aperto nel parco

Coloris

Il parco ospita una galleria di arte moderna all’aperto: il suo nome è ArtLine ed è un progetto promosso dal Comune di Milano. Si tratta di un percorso articolato in oltre 20 opere permanenti, 8 selezionate attraverso un concorso per artisti under40 e le altre di artisti internazionali già affermati, visitabili gratuitamente 7 giorni su 7 passeggiando tra i vialetti del parco.

Tra le opere troviamo il Beso, il “bacio” tra due grandi rocce, Coloris che raffigura il planisfero terrestre e cento pali metallici di color pastello, la rivisitazione delle bocchello delle fontanelle milanesi (i draghi verdi) e Hand and foot for Milan, una mano e un piede dalle dimensioni gigantesche costruite in mattoni.

Leggi anche: Il BACIO DI PIETRA: l’ultima opera d’arte nel Parco d’Arte Contemporanea di CITYLIFE (FOTO GALLERY)

Fonte: finestresullarate.info

Continua la lettura con: A Milano il VILLAGGIO delle MERAVIGLIE

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/