Il “CHIOSCO DA GIACOMO”: ecco perché MILANO è la città delle SECONDE OPPORTUNITA’

Il "Chiosco di Giacomo" è una prova del perché Milano è la città ideale per chi vuole cambiare vita. 

credit: Facebook @Casa di Giacomo Chiosco Bar

Il “Chiosco da Giacomo” è una prova del perché Milano è la città ideale per chi vuole cambiare vita.

Il “CHIOSCO DI GIACOMO”: ecco perché MILANO è la città delle SECONDE OPPORTUNITA’

C’è stato un tempo in cui Milano era da bere e a parte questioni politiche, quell’epoca voleva sottolineare la voglia, il desiderio dei milanesi di uscire, divertirsi e affollare le centinaia di locali aperti che offrivano una vasta gamma di servizi e offerte che facevano gola a tutti. E’ l’epoca dell’happy hour che, per usare una definizione americana, è l’invenzione per alzare il tasso di alcolismo prima di cena.


Milano è sempre stata una città viva e con un gran desiderio di vivere e voglia di fare. Si dice che se a Milano non c’è, non esiste. Si dice che a Milano se hai voglia di fare, puoi riuscire e l’esperienza da Giacomo ne è una prova.

# Dal Piemonte alla Lombardia per inseguire un sogno

credit: Facebook @Casa di Giacomo Chiosco Bar

Giacomo Sarasso è un uomo che viene dal Piemonte. Un uomo che nella vita ha fatto più o meno il percorso di tutti, ha studiato, ha conosciuto una donna, si è sposato, ha fatto un figlio e aveva un’ottima posizione nel mondo dei giocattoli. Eppure capita spesso che quello che hai costruito fino a quel momento, ti faccia sentire non pienamente soddisfatto. La sua vita è piena e appagante, però sente di avere dentro qualcosa, come un richiamo e allora decide di cambiare vita e realizzare quel sogno che sente necessario per sentirsi finalmente un uomo in pace col mondo.

Cambia città e opta per Milano, per la grande metropoli delle opportunità, sente che questa città, a differenza della sua Vercelli, può dare sfogo ai suoi desideri, ai suoi progetti, insomma Milano rappresenta, vista da lontano, come un grande laboratorio d’iniziative. Ed è da lì che nasce l’idea del Chiosco. 



# Il chiosco come luogo delle seconde possibilità

credit: Facebook @Casa di Giacomo Chiosco Bar

Il chiosco non è altro che una piccola attività commerciale posizionata all’aperto e che ha come scopo quello di vendere bevande o cibi da passeggio, ma a parte la loro funzione principale, negli anni diventano luogo d’incontro e aggregazione sociale. C’è stato un tempo in cui le licenze dei chioschi erano date agli ex carcerati, quindi in qualche modo erano visti come luoghi di lavoro che davano una seconda possibilità. Forse spinto da questa cosa, Giacomo pensa di comprare un piccolo chiosco in Piazzale Corvetto e partire da questo per ottenere la sua seconda possibilità. 

# Apre a Corvetto il Chiosco di Giacomo: perché proprio qui?

Corvetto è un quartiere nella zona sudorientale della città, la sua piazza è composta di molte attività commerciali ed è uno snodo molto importante del traffico milanese, anche perché lì si trova un cavalcavia che è l’ingresso principale dell’A1. Un quartiere vivo, abitato e trafficato che ha visto negli ultimi anni decine d’interventi edilizi (vedi Fondazione Prada) volti a riqualificare e rilanciare la zona. Giacomo Sarasso ha intuito subito le immense potenzialità della zona e in particolar moda della sua piazza e nel giro di poco tempo apre quello che viene comunemente Chiosco di Giacomo, ma il nome pare essere ancora provvisorio. Il suo scopo è quello di trasformare un semplice chiosco, in un luogo dove la gente può fermarsi anche solo per scambiare due chiacchiere, anche grazie all’immensa simpatia del suo proprietario.

# Semplice ma coinvolgente: dalla cucina alla cultura

credit: Facebook @Casa di Giacomo Chiosco Bar

Giacomo, di certo non è uno sprovveduto, non si è alzato una mattina e si è lanciata in una nuova attività senza pensarci. Prima di comprare, prima di aprire, ha cercato di farsi conoscere e di fare rete con le diverse associazioni culturali presente nel quartiere. I negozianti vicini hanno cominciato a frequentare il suo chiosco e appoggiarlo nelle sue diverse iniziative che spaziano dalla cultura della mente alla cultura della pancia. Nel giro di poco tempo il suo chiosco è diventato sede di un book crossing, ha organizzato flash mob letterari, presentazioni, concerti ed ha preso parte anche al Bookcity come luogo d’incontro durante la manifestazione.

Aggregare persone, farle conoscere attraverso il cibo e la cultura sembra essere la missione che si è prefissato Giacomo quando ha inaugurato il suo chiosco. Il suo entusiasmo è dilagante e coinvolgente e nonostante il periodo che stiamo vivendo, lui continua nel suo progetto cercando di organizzare un piccolo laboratorio di cucina e realizzando delle aiuole colorate, piantando qualche albero e rendendo il suo spiazzale e il suo chiosco ancora più bello e accattivante. 

Leggi anche: Milano: la più PICCOLA LIBRERIA del MONDO lancia la sfida ad AMAZON

MICHELE LAROTONDA

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteItalia anno zero
Articolo successivoLo SPECIAL MOURALES
Michele Larotonda
Michele Larotonda nasce a Potenza nel 1977, ma vive e lavora a Milano. Da sempre appassionato al mondo della scrittura partecipa a un corso di scrittura creativa che lo fa avvicinare al mondo del cinema scrivendo sceneggiature per alcuni cortometraggi che hanno avuto visibilità in rassegne specializzate a Milano e a Roma. Scrive e conduce il programma radiofonico I 2 della Stangata andato in onda su Radio 2.0. Nel 2018 esordisce con il romanzo IL SOGNOSCURO (Link edizioni) e il 2020 è la volta di DA UN’ALTRA PARTE (PAV edizioni). Collabora con i portali Sul Romanzo e RockShock.