Le METE estive più GETTONATE dei MILANESI

Le scelte più gettonate per il turismo di mare divise per decade

credits: @jotacherokee su IG

A Milano non c’è il mare, e su questo siamo tutti d’accordo, nonostante molti considerino l’Idroscalo come una vera piccola località turistica nel territorio meneghino. Sarà forse per questo che mediamente le destinazioni turistiche di mare, durante i mesi estivi, sono sempre state le preferite rispetto a chi sceglie la montagna, per trekking, laghi e quant’altro.

Anche se va detto che la montagna, negli ultimi anni, ha riscosso un vero e proprio boom di turismo. Generalizzare è impossibile, perché qui siamo abituati a partire per mete sparse ovunque, ma sta di fatto che come per la maggior parte degli italiani, anche i milanesi, negli anni, hanno modificato le proprie preferenze in termini di spiagge. Sia all’estero che in Italia. 


Le METE estive più GETTONATE dei MILANESI

# Anni ’80: il mito della Riviera Romagnola

credits: @labellarivieraromagnola su IG

Rimini e Costa del Sol: etichettare il mare degli anni ’80 per i milanesi è semplice come bere un bicchier d’acqua. La stragrande maggioranza dei nostri concittadini in quegli anni preferiva località come Torremolinos, Málaga e paesi limitrofi nella lontana Spagna, con viaggi in auto che rimasero leggenda della generazione di persone nate negli anni ’60 o poco dopo. In Italia, invece, prese definitivamente piede il mito della Riviera Romagnola, già ben avviata dal dopoguerra ma letteralmente esplosa con Rimini e Riccione in testa. Mare perennemente calmo, fondale bassissimo, piadina e discoteche romagnole (su tutti, il Peter Pan). Nella maggior parte dei casi, gestite da milanesi.  

# Anni ’90: al ritmo di “Isla Bonita”

credits: @jotacherokee su IG

Nel 1990 a farla da padrone erano soprattutto la LLoret de Mar e Ibiza, quindi la Costa Brava e le Baleari. In particolare in Costa Brava ci fu uno sviluppo mega di case vacanze e hotel anche a prezzi molto accessibili, che riempì il sud del paese iberico di turisti da ogni dove e che fece nascere con gli anni qualche insofferenza da parte, soprattutto, dei residenti della Catalogna. Per quanto riguarda Ibiza, invece, la fama dell’isola già meta di club e discoteche di ogni tipo esplose con il singolo latino di Madonna “La Isla Bonita”, che uscì nel 1986 ma come per ogni hit, ci mise qualche anno a diffondere la fama del testo che celebrava. 

#  Anni 2000: le bellezze naturali di Formentera e la perla del Salento

credits: @salentopugliait su IG

 Da Ibiza si giunge, con mezz’ora di traghetto al massimo, a Formentera, la sorella minore e meno celebre che, con gli anni, si attrezzò in maniera tale da arrivare quasi a portare via a Ibiza il primato di visitatori. A Formentera club e strutture ricettive non mancano, ma quello che ne fece schizzare a mille la fama fu, oltre alle bellezze naturalistiche, la presenza di hotel e case vacanze in contesti moderatamente più tranquilli di Ibiza, dove la vita notturna assorbe quasi tutto. Per restare in Italia, invece, i milanesi iniziano pian pianino a scoprire Gallipoli, perla ormai super-inflazionata del mare del Salento. 



Leggi anche: curiosità sull’isola dei milanesi

#  Anni 2010: acque cristalline e relax su costa e isole della Croazia

credits: @lostincroazia su IG

 Con gli anni 2010 ecco farsi strada un’altra new entry delle mete preferite dai milanesi. La Croazia. Molto più economica pur rispetto alla già modesta Spagna, e soprattutto più vicina, la Croazia ha visto impennarsi i turisti pronti a passare l’estate sulle sue spiagge in maniera esponenziale negli anni. La differenza con la vicina riviera adriatica la fa ovviamente l’acqua del mare, che sulla costa del paese balcanico è molto più cristallina. Inoltre va segnalata la crescita costante di una destinazione scelta già da milanesi e italiani ormai da tempo, ovvero la Grecia. Mykonos e Ios per serate più da nightlife, Santorini per vacanze più relax. 

# Oggi: la Grecia è la preferita

credits: @travelsthirst su IG

 Dagli anni 2020 parlare di turismo sembra un po’ un controsenso, considerando che proprio all’inizio del decennio è scoppiato tutto quello che sappiamo e il turismo, fra tanti settori, è quello che è stato quasi azzerato. Per fortuna le cose stanno migliorando e tante persone stanno scoprendo le destinazioni del futuro. A detta dei tour operator e degli addetti al variegato mondo delle vacanze estive, la Grecia nelle isole minori e meno famose sarà la meta preferita dei milanesi degli anni futuri. Resta da capire che tipo di impatto avrà il green pass sul turismo futuro e, in generale, la reazione dei vari stati al successo della campagna vaccinale, ma molti sono ancora concordi nel ritenere questa estate del 2021 un banco di prova per la vera ripresa, e che la reale prova di un ritorno alla piena normalità vacanziera si avrà solo con l’estate del 2022. 

Voi che ne pensate? 

Continua a leggere con: L’estate delle NOTTI GRATIS: le 5 più interessanti PROMOZIONI ESTIVE in ITALIA

CARLO CHIODO

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.