Il quartiere delle CASE MINIME nel villaggio dei FIORI

Costruite per gli sfollati dei bombardamenti, oggi sono parte del patrimonio residenziale pubblico del Comune, alloggi popolari gestiti da Mm.

Murales Villaggio dei Fiori. Credits: @barbaracaramanti IG

Un piccolo quartiere nella zona ovest la cui storia esiste dalla fine della Seconda Guerra Mondiale e che rischiò di venire demolito nei primi anni Novanta a causa di numerosi progetti ad alta intensità abitativa. Vediamo la sua storia. 

Il quartiere delle CASE MINIME nel villaggio dei FIORI

# Il quartiere con le strade con il nome di FIORI

Lorenteggio, 1952. Il Comune prese la decisione di far costruire degli alloggi per dare un tetto alle famiglie degli sfollati in seguito ai bombardamenti su Milano. Sono le “case minime” realizzate nel quartiere dei Fiori, chiamato così perché ogni sua via ha come riferimento il nome di un fiore. Infatti, questo quartiere così particolare è formato da via delle Camelie, via dei Gigli (via Primaticcio), via dei Giaggioli e via dei Giacinti.


# Le case minime hanno rischiato di venire DISTRUTTE

credits: Blog.urbanfile.org

Il formato edilizio prescelto è quello della casa a schiera unifamiliare, progettato dell’Ufficio Tecnico Comunale, in particolare dall’architetto Arrigo Arrighetti, disposte su due piani e un piccolo giardino sul retro. 233 alloggi costruiti su 19 schiere, ogni schiera prevede 11 abitazioni che verso i primi anni Novanta hanno rischiato di fare la stessa fine delle case minime di Baggio, Bruzzano, via Zama e Vialba realizzate negli anni Trenta e in seguito abbattute poiché considerate “vergognose”.

Credits: @cristinamalaussene
IG

Vi era il progetto di realizzare condomini di 6 piani e la loro costruzione avrebbe spazzato via un pezzo di storia di Milano. Invece, grazie alla battaglia di opposizione vinta dal Comitato Inquilini Villaggio dei Fiori, sono rimaste intoccate.

# Un po’ di COLORE nel Villaggio dei Fiori

Murales Villaggio dei Fiori. Credits: @barbaracaramanti
IG

Oggi, queste casette sono state riqualificate e i lavori di assegnazione di nuovi coinquilini procedono bene, tuttavia, come fa notare il sito di UrbanFile, il quartiere dovrebbe essere curato un po’ di più, aggiungendo aree verdi e sistemando strade e marciapiedi.



Gli abitanti di Lorenteggio si sono già dati da fare per portare un po’ di colore nel quartiere e, con il permesso del Comune, hanno ridipinto le facciate cieche di alcune abitazioni con splendidi murales in occasione delle Olimpiadi Milano Cortina 2026.

Continua a leggere con: 38 MURALES nel VILLAGGIO dei FIORI: così MILANO cambierà volto per le OLIMPIADI

SELENE MANGIAROTTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.