I giardini segreti più FRESCHI di Milano

Alcuni sono addirittura segreti o riaperti al pubblico da poco e vale la pena visitarli, perché riservano sorprese e bellezza

ph. marcobeckerphotosheltercom - Ex Armenia films

Caldo e afa non ti temo. Anche quando le temperature estive stringono Milano in una “morsa infernale”, i milanesi possono trovare refrigerio in alcuni parchi e giardini che rappresentano pezzi di storia e di identità. Vediamo i dettagli e dove trovare quelli meno noti.

I giardini segreti più FRESCHI di Milano

# Parchi meno noti o addirittura nascosti

ph. nonsoloturisti.it

È arrivata ufficialmente l’estate 2022, spoilerata con temperature molto alte fin da maggio. Restare a Milano in questo periodo potrebbe risultare infernale: la voglia di vacanze e di mare è una specie di saudade, tra le strade arroventate dal sole.


C’è il modo di sottrarsi alla “morsa infernale”, trovando riparo all’ombra di giardini nascosti, o poco considerati dalla frenesia di città. Alcuni sono addirittura segreti o riaperti al pubblico da poco e vale la pena visitarli, perché riservano sorprese e bellezza. Vediamoli. 

# Parco Ex Armenia Films

ph. marcobeckerphoto.shelter.com – Ex Armenia films

In Via Filippo Baldinucci, a Dergano, una volta c’era lo stabilimento cinematografico della Milano Film, poi diventata Armenia Films. In questo teatro di posa è stato girato il primo lungometraggio muto d’Italia.
Di Armenia Films è rimasta la facciata del muro e la porta di ingresso. Il resto della superficie del teatro di posa sono stati trasformati, tanto che parte è adibita a delizioso parco. Si trova riparo sotto alberi alti e c’è anche un piccolo laghetto.

Ex Armenia Films – ph. GMaps

Leggi anche: Il nuovo PARCO URBANO di Porta LUDOVICA



# Giardino Perego

ph. in-lombardia – Giardino Perego

Nella centralissima Via dei Giardini, alle spalle della M3 Turati, c’è il giardino all’inglese opera di Luigi Canonica. Il giardino era di proprietà della famiglia Perego e inizialmente si estendeva fino agli orti del monastero di S. Erasmo.
Canonica ha progettato il giardino all’inglese, poi rivoluzionato dalla viabilità necessaria a servire la vecchia e nuova stazione Centrale di Milano.
Oggi di proprietà del comune, è attrezzato per passeggiate a piedi e in bicicletta, percorsi per fare jogging e un’area giochi.

Giardino Perego – ph. GMaps

# Giardino di Via Orti

ph. mi-lorenteggio.com – Via Orti

Nascosto per anni dentro un cantiere di riqualificazione e quasi dimenticato, da poche settimane ha riaperto al pubblico il giardino compreso tra Via Orti e Via Lamarmora. Con i suoi 10.000 m² di superficie, trovano posto tigli, cedri del Libano e piante di aromi perenni.
Il giardino ha sullo sfondo un paesaggio urbano che abbraccia due secoli di Milano, dal 1700 al 1900, nel cuore di Porta Romana.

Giardino via Orti – ph. GMaps

Leggi anche: Il “PARCO più PICCOLO del mondo” con i folletti e la piscina per le farfalle

# Giardino della Guastalla

ph. flawless.life – Guastalla

Nascosto tra l’Ospedale Maggiore, la Statale e la Sinagoga centrale, il Giardino della Guastalla è un antico broletto milanese, al cui interno si trovano piante secolari tra cui spicca la pianta dei sigari e una peschiera all’italiana, una volta alimentata dall’acqua del Naviglio di Via Sforza. Ai lati della peschiera anche un’edicola seicentesca opera di Luigi Cagnola.
La Guastalla è un giardino dalla bellezza incredibile e ci si può rifugiare per un po’ di relax e frescura anche con bimbi e cani, per cui sono previste aree attrezzate.

Guastalla – ph. GMaps

# Parco di Villa Finzi

ph. madtrip.co – Villa Finzi

Il parco di Villa Finzi si trova a Gorla e più precisamente in Via Sant’Elembardo, luogo che riesce a mantenere intatta la sua identità. Creato dalla famiglia Finzi Ottolenghi come parco per bambini, conserva la sua vocazione grazie alle due aree giochi riservate ai più piccoli.
Probabilmente noto per la cascata viola, la fioritura di glicine che in primavera ricopre il Tempietto dell’Innocenza, il parco è la casa di piante secolari, tra cui la pianta del caffè, specie di aceri e l’albero di Giuda.

Villa Finzi Ottolenghi – ph. GMaps

Leggi anche: La QUERCIA ROSSA del Ticinese: l’ALBERO più ANTICO di Milano

# Giardino di Villa Belgiojoso Bonaparte

ph. Pinterest – Belgiojoso Bonaparte

Da Via Palestro si accede ad un percorso botanico fatto di sentieri che si insinuano tra un cedro, una pianta del caffè e agrifogli, costeggiando grotte e attraversando il laghetto.
Non proprio tutti possono accedere, perché il Giardino di Belgiojoso Bonaparte è riservato ai bambini. Gli unici adulti che possono accedere, sono quelli che accompagnano i piccoli.
La sistemazione è quella tipica del giardino all’inglese, progettato dall’allievo del Piermarini, Leopold Pollak.

Giardino Belgiojoso Bonaparte – ph. GMaps

# Orto botanico di Brera

ph. viaggiatorineltempocom – Orto botanico Brera

Il giardino voluto da Maria Teresa d’Austria in persona, stretto tra Brera e Via Fiori Scuri, si estende per oltre 5.000 m². L’impianto progettato da Padre Vittman, è composto da tre settori: due adibiti ad aiuole e uno un arboreto con piante secolari. I settori sono divisi da due vasche ellittiche.
Dei parchi cittadini e del centro, è forse il più noto tra tutti quelli visti finora. Prestigiosi architetti, come Piermarini e Richini, hanno contribuito ad abbellire questo luogo, voluto per la meditazione e l’insegnamento, che ancora oggi si pratica nell’auletta.

Turisti e milanesi possono trovare rifugio dal caldo, per una sosta di relax e frescura anche in pieno centro storico. Fuggire dal caldo torrido potrebbe rivelarsi più facile di quel che appare, anche nella piccola metropoli che punta verso il cielo.

Orto botanico Brera – ph. GMaps

Fonte: Elledecor

Continua la lettura con: Apre al pubblico l’ORANGERIE: Milano ritrova il suo storico Giardino

LAURA LIONTI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/