Caffè Fernanda: il BAR più BELLO di Milano?

Il bar della Pinacoteca di Brera in un'atmosfera chic bohémien

Credits: @francesco.pn Caffè fernanda

Forse non tutti lo conoscono, in pochi ci saranno stati, ma il Caffè Fernanda è sicuramente uno dei bar più belli di Milano. Non bisogna aspettarsi quei classici locali milanesi che sono un mix tra lusso e mondanità, ma Caffè Fernanda è una vera e propria opera d’arte, letteralmente parlando.

Caffè Fernanda: il BAR più BELLO di Milano?

# Il bar della Pinacoteca di Brera

Credits: @getsould
caffè fernanda

Al primo piano della Pinacoteca di Brera, proprio sotto i portici, c’è una caffetteria che segue gli orari del museo e che è pronta ad accogliere i clienti offrendogli un’ottima colazione, una dolce merenda o un buon pranzo. E se si è nel quartiere più bohemién di Milano, nonché in uno dei musei più famosi di tutta la città meneghina, non ci si può aspettare altro che un bar simile a quelli dove si incontravano gli intellettuali ai tempi, allestito un po’ con opere d’arte, un po’ con oggetti strani. E Caffè Fernanda rispecchia proprio questa descrizione: pochi oggetti particolari, ma tante opere d’arte in un’atmosfera chic tutta milanese.

# Di arte e caffè c’è sempre bisogno

Credits: @megliounpostobello
Caffè Fernanda

Per bersi un caffè nel bar non è obbligatorio visitare il museo, ma si accede tranquillamente come un classico locale. Raffinatezza, ricercatezza ed eleganza sono all’ordine del giorno, ma nel Caffè Fernanda non è solo la location che attira i clienti. In un’atmosfera calda e magica, questo bar e le sue opere d’arte sono la cornice perfetta per la cucina di un giovane chef che unisce tradizione all’innovazione. E poi bisogna ammetterlo, tutte queste opere d’arte che allestiscono il locale, regalano tranquillità, piacere e appagamento a chi si siede in uno dei tavolini di Caffè Fernanda.

# Dedicato ad un’eroina italiana nonché storica dell’arte

Credits: @lucisalc
caffè fernanda

Nato nel 2018 in continuità col contesto artistico-culturale del museo, il locale dalle tonalità del rosa, blu e senape, non a caso è stato chiamato Caffè Fernanda. Il bar, infatti, è nato in onore di Fernanda Wittgens, una delle tante eroine italiane sconosciute. La donna era una storica dell’arte e fu la prima donna in Italia a dirigere un museo, ma la sua vita non fu per nulla facile. Nel 1944 Fernanda Wittgens venne infatti imprigionata dai nazisti per aver aiutato alcuni ebrei a fuggire. Uscita salva dalla prigionia, il suo obiettivo era creare un “Museo vivente” e lo fa collaborando anche alla ricostruzione della Pinacoteca di Brera dopo i bombardamenti. Insomma una donna assolutamente da ricordare, ma che pochi conoscono e per ora Brera le dedica un bar.

Fonti: instagram.com

Continua la lettura con:Il BAR BASSO: il locale iconico che inventò il Negroni sbagliato

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Il Covid, ovvero il DC9 degli anni ’20

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.