Glaciazione, carenza risorse, crollo in Borsa: in arrivo in inverno la MADRE di tutti i DISASTRI?

I prossimi inverni potrebbero essere tra i più devastanti dei nostri tempi

Credits hackthematrix.it - Ny congelata

Ci stiamo preparando ad uno degli inverni più rigidi e critici a livello di risorse e stabilità economica? Ecco i segnali che portano verso quella direzione.

Glaciazione, carenza risorse, crollo in Borsa: in arrivo in inverno la MADRE di tutti i DISASTRI?

Estratto traduzione articolo “Ssw event threatens a record cold and snowy december (similar to 1989), + ‘the mother of all crashes’ could now be just months away” di Cap Allon su Electroverse.net

# I prossimi inverni potrebbero essere tra i più devastanti dei nostri tempi

Credits hackthematrix.it – Ny congelata

L’attività solare tra le più basse delle storia che abbiamo riscontrato negli ultimi anni spiega perché i vortici polari stanno diventando più comuni. È questo fenomeno naturale probabilmente l’attore chiave nell’inizio delle ere glaciali insieme all’aumento della copertura nuvolosa dovuto all’aumento dei raggi cosmici.

Vale anche la pena notare che uno degli inverni più rigidi mai registrati è arrivato alcuni anni dopo un minimo solare. Attualmente, siamo appena stati liberati dalle grinfie di quello che è stato il minimo solare più debole degli ultimi 100 anni: il ciclo solare 24 dicembre 2008 – dicembre 2019 ha avuto un numero massimo di macchie solari sostanzialmente inferiore alla norma, fino a un livello non visto dai cicli 12-15 tra il 1878 e il 1923. È una scommessa sicura presumere che questi prossimi inverni saranno tra i più devastanti dei tempi moderni.

# L’attuale crisi energetica globale è dovuta all’esaurimento delle riserve di carbone e gas

Lo scorso inverno 2020-2021, contrariamente alla narrativa basata sull’agenda del MSM è stato uno tra i più freddi della storia in particolare in Europa e in Asia. E ci stiamo ancora riprendendo adesso. Indipendentemente dalle sciocchezze che guidano l’agenda lanciate dalla CNN e altri media internazionali, l’attuale crisi energetica globale è dovuta, per la maggior parte, all’esaurimento delle riserve di carbone e gas per evitare il freddo anomalo dello scorso inverno. Altri fattori includono un’ingenua dipendenza dal fallimento delle rinnovabili e la mancanza di investimenti in combustibili fossili “negativi” e “sporchi”.

# Questo inverno potrebbe essere uno dei più freddi della storia

Credits electroverse.net – Joe Bastardi forecast

L’inverno 2021-2021 potrebbe essere uno dei più rigidi della storia. Come ha recentemente twittato il climatologo americano Joe Bastardi, con molta probabilità si sta creando un improvviso evento di riscaldamento stratosferico “che punta alla nostra vecchia idea di freddo per novembre e dicembre. Il climatologo continua dicendo che le cose si stanno preparando per essere “per il 3 dicembre, molto simili al 1989” risultato essere “uno dei mesi di dicembre più freddi mai registrati” in gran parte degli Stati Uniti. 

L’anno 1989 è arrivato pochi anni dopo il minimo solare del ciclo 21, che si è concluso intorno al 1986, e infatti il suo inverno è entrato nei libri come uno dei più rigidi della storia moderna. Un potente vortice polare ha fatto precipitare le gelide masse d’aria polari a latitudini eccezionalmente basse. La Florida settentrionale e Jacksonville hanno visto la neve. Mentre le temperature più basse sono stati registrate nel sud del New Jersey a dicembre.

Ad aumentare la ferocia delle invasioni polari di questo inverno sarà il fatto che il Mare di Bering, così come gran parte dell’Artico intorno alla Siberia, stanno vedendo la più alta quantità di ghiaccio marino dal 2005: questo manterrà quelle masse d’aria artiche più fredde più a lungo mentre scendono a sud.

“La madre di tutti i disastri” potrebbe essere a pochi mesi di distanza

Noi umani siamo programmati per riconoscere i cicli. Ci siamo evoluti in una realtà ciclica per oltre centinaia di milioni di anni e possediamo un livello di comprensione quasi “illuminato” dentro di noi. Sono convinto che l’universo, e quindi la realtà, giri interamente su cicli e che sia solo questione di tempo prima che il passato si ripeta. 

Il mercato azionario corre su cicli prevedibili e questi ultimi anni ne sono stati un ottimo esempio. Nonostante gli orrori che hanno elargito i mercati finanziari dal 2008, il Dow Jones Industrial Average (DJIA) ha continuato a correre, e non perché l’economia sia in buona salute, ma semplicemente perché il grafico, la matematica e un “modello universale” dettato che dovrebbe. Non fraintendetemi però, quella “madre di tutti i disastri”, come la chiama Michael Burry, si sta pericolosamente avvicinando e sarà simile alla Grande Depressione del 1929. 

# I grafici del Dow Jones Industrial Average del 1929 e di oggi a confronto

Credits electroverse.net – Confronto Dow Jones industrial 1929-2021

Di seguito è riportato un confronto tra il Dow Jones Industrial Average del 1929 e quello di oggi. A sinistra c’è la salita di oggi, e a destra c’è la rincorsa al picco del 1929 e poi le successive conseguenze. Le somiglianze sono sorprendenti. E se si deve credere ai grafici, i mercati hanno un ultimo rialzo prima raggiunga il massimo e inizi il crollo.

Credits electroverse.net – Confronto Dow Jones industrial 1929-2021 fiboncacci

Ad aggiungere peso a questa teoria è il fatto che l’intero 4.236 dell’estensione di Fibonacci (uno strumento di creazione di grafici spaventosamente affidabile) mostra anche che il picco potenziale di oggi si sta avvicinando a quello della corsa del 1929.

Credits electroverse.net – Cicli solari

Proprio come il mercato azionario, anche i cicli solari seguono uno schema prevedibile e tracciabile e vediamo che hanno una tendenza al ribasso quasi identica a quella durante l’inizio del minimo di Dalton (1795-1820), come si vede dall’immagine sopra: il ciclo solare 22 era quasi una copia carbone del ciclo solare 3, il ciclo 23 era molto simile al ciclo 4, il ciclo 24 corrisponde al ciclo 5 (e l’ultimo ciclo solare –25– si è aperto nella stessa direzione del ciclo solare 6).

# Le previsioni di NOAA e Nasa dell’imminente minimo solare

Credits electroverse.net – Solar-Cycle-25-NASA-full

Il recente superamento dei limiti da parte dei governi con assunzione di poteri draconiani sono un condizionamento delle masse per i veri orrori che si stanno rapidamente avvicinando. La storia si ripete e gli schemi non mentono: sta arrivando qualcosa di mostruoso e loro lo sanno. I tempi freddi stanno tornando, le medie latitudini si stanno “congelando”, in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici dalle nubi e un flusso di corrente verso le latitudini più basse.

Credits electroverse.net – Sunspot 400 years

Sia la NOAA che la NASA sembrano essere d’accordo, se si legge tra le righe. La NOAA afferma che entreremo in un “Grande Minimo Solare” alla fine degli anni 2020 e la NASA vede questo imminente ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni”, con l’agenzia che ha correlato i precedenti minimi solari a periodi prolungati di raffreddamento globale. A questo si aggiungono i numerosi nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Estratto traduzione articolo “Ssw event threatens a record cold and snowy december (similar to 1989), + ‘the mother of all crashes’ could now be just months away” di Cap Allon su Electroverse.net

Continua la lettura con: Rischiamo di prenderlo nel Cooling

LA FENICE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Milano, il risiko delle Commissioni: Pantaleo all’Antimafia, Monguzzi all’Ambiente, Pacente al Pnrr

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.