10 POSTI di Milano dove NON SEMBRA di essere a Milano

Milano è una città internazionale anche per le atmosfere che trasmette

Credits francesco ungaro-unsplash - Diamantone Porta Nuova

Se si venisse catapultati in questi luoghi senza sapere di essere a Milano si potrebbe credere sul serio di trovarsi altrove. Ecco i posti dove si può provare questa sensazione.

10 POSTI di Milano dove NON SEMBRA di essere a Milano

#1 Piazza Sant’Alessandro, un angolo di Roma a Milano

Credits: co.pinterest.com – Piazza Sant’Alessandro

Piazza Sant’Alessandro è un angolo di Roma in città, un gioiello incastrato tra Piazza Missori e Via Torino, a cui si arriva in un labirinto di vicoletti. Il nome della piazza è dovuto alla chiesa barocca omonima, tra le più belle di Milano. Poco lontano da qui un pezzo dell’Università Statale, culla della cultura umanistica.


Leggi anche: Le 7 PIAZZE più SORPRENDENTI di Milano

#2 Il villaggio operaio di via Lincoln, la Notting Hill o la Burano milanese

Credits: @solynou IG

Il villaggio operaio di via Abramo Lincoln, un quartiere di case progettate e pensate nell’Ottocento da una cooperativa edilizia per gli operai e ferrovieri della fu stazione di Porta Tosa. La caratteristica di questo quartiere sono le variopinte villette colorate, da cui il soprannome di quartiere arcobaleno, che richiamano le atmosfere inglesi di Notting Hill o quelle di Burano, l’isola veneziana.  

Leggi anche: Sette cose che non sai sul QUARTIERE ARCOBALENO di Milano



#3 Citylife e Porta Nuova, dove Milano sembra New York

City Life e Porta Nuova

Passeggiando tra il verde del nuovo parco dove un tempo sorgeva la vecchia fiera milanese o nei vialetti della Biblioteca degli Alberti si ha l’impressione di essere a New York. I grattacieli che arrivano a superare anche i 200 metri d’altezza a Citylife e a Porta Nuova sovrastando tutto il resto danno l’idea di trovarsi in un piccolo Central Park.

#4 Parco delle Cave, la campagna in città

Parco delle Cave
Credits: instagram @moni.bigh

Nel Parco delle Cave, tra i più grandi di Milano, sembra di essere in aperta campagna. Al suo interno sono presenti 3 “grandi laghi”, alcuni dove si può praticare la pesca sportiva, e sono custodite due antiche cascine, Cascina Linterno e Cascina Caldera. Una vera oasi naturale in città ricca di vegetazione autoctona e di fauna quali anfibi, rettili, uccelli, conigli ed addirittura volpi.

Leggi anche: Dove MILANO è ancora CAMPAGNA

#5 Baggio, un piccolo borgo fuori dal tempo

Credits Andrea Cherchi – Chiesa di Baggio

Nella periferia ovest della città si trova forse il borgo, oggi quartiere, meglio conservato di Milano: Baggio. Entrandovi sembra di venire catapultati in un’altra epoca. Di grande rilevanza è la millenaria Cascina Linterno, costruita intorno al 1154, che deve gran parte della sua fama a Petrarca. Baggio è famoso per il detto milanese ‘Va a Bagg a sunà l’orghen’ che si riferisce alla presenza dell’”organo più celebre di Milano”, dipinto nella chiesa vecchia di Sant’Apollinare, dato che la chiesa non aveva potuto permettersene uno vero per mancanza di fondi. 

#6 A Brera sembra di essere a Parigi

brera
La statua di Napoleone Bonaparte al centro del cortile d’onore del Palazzo di Brera

A Brera il traffico lungo il perimetro di questo quartiere scompare e lasciando spazio a luoghi romantici di sera e pieni di fascino durante il giorno. Qui si respira un’atmosfera parigina, con case antiche ed eleganti, locali e negozi che si possono trovare solo tra le vie acciottolate di questo splendido quartiere. 

#7 Villa Invernizzi e i suoi fenicotteri rosa del Sudamerica

foto di andrea cherchi (c)
Fenicotteri a Villa Invernizzi – foto di andrea cherchi (c)

In Porta Venezia, attraverso i cancelli di villa Invernizzi, si può vedere una famiglia di dodici esemplari di fenicotteri rosa. Importati qui dal Sudamerica negli anni ’70 da Romeo Invernizzi proprietario dell’omonima fabbrica, vivono all’interno della villa accuditi da 70 ricercatori regalando ai passanti “un’atmosfera tropicale.”

Leggi anche: 7 cose che forse non sapete dei FENICOTTERI di Villa Invernizzi, una delle meraviglie più sorprendenti di Milano

#8 Sui Navigli come a Copenaghen

Credits: milanopocket.it – Naviglio Grande

Il fascino dei Navigli milanesi è conosciuto in tutto il mondo. A ben vedere però, camminando nelle vie che fiancheggiano i canali e osservando le case colorate che vi affacciano sembra di essere stati catapultati altrove, a Copenaghen o ad Amsterdam

#9 La “casa olandese” di via Poerio

porta venezia
Casa 770

La casa “olandese”, al numero 35 di via Carlo Poerio, soprannominata così per le linee architettoniche che richiamano le abitazioni dei Paesi Bassi. Non è questa però l’unica particolarità di quest’abitazione. Si tratta infatti di una dei dodici esemplari presenti in tutto il mondo che riproducono la “casa 770” edificio dell’Eastern Parkway di Brooklyn in America. Quella milanese è l’unica in Europa, punto di riferimento per la comunità ebraica.

#10 Le ville Tudor, la Baviera a Milano

Credits: @pari.silvia IG – Ville Tudor

Nel quartiere di via Giambologna, nel sud della città, si trovano due ville con le facciate a grate di legno e i tetti spioventi con uno stile che ricorda il medioevo del nord Europa, quello delle favole di Hansel e Gretel. Sono state edificate intorno al 1920, a quanto pare da un coppia tedesca che ha deciso di ricreare le abitazioni tipiche della Baviera a Milano.

Leggi anche: Il MISTERO sulle VILLE TUDOR in zona Navigli: sono INGLESI o TEDESCHE? 

Continua la lettura con: I LUOGHI della nostra INFANZIA a Milano (che non esistono più)

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl paesino con la DOPPIA NAZIONALITÀ
Articolo successivoLa TOP 10 dei DENTISTI di MILANO
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.