Le 10 AUTOSTRADE più CARE d’Italia? 3 su 4 sono VICINE a Milano

Vediamo quali sono e quale è la più costosa

Credits lauradistrattta IG - Autostrada italiana

Nella classifica delle autostrade più care d’Italia quasi tutte si trovano attorno a Milano o sono raggiungibili in poco tempo dal capoluogo lombardo. Vediamo quali sono e quale è la più costosa.

Le 10 AUTOSTRADE più CARE d’Italia? 3 su 4 sono VICINE a Milano

# L’autostrada A5 Torino-Monte Bianco è la più costosa, Milano completa il podio

Grafica Will_ita IG – Fonte Direzione Generale per la Vigilanza sulle concessioni autostradali

Nella classifica delle autostrade più care d’Italia lautostrada A5 Torino-Monte Bianco è in testa con un pedaggio di 3,45 euro ogni 10 km percorsi, la tariffa si riferisce alle automobili, mentre in seconda e terza posizione troviamo rispettivamente le tangenziali milanesi con 2,54 euro e la Brebemi A35, che collega Brescia a Milano, a 2,35 euro.

Nella top ten, considerando anche il podio, ci sono ben 3 autostrade su 4 che collegano direttamente o sono vicine al capoluogo lombardo. Troviamo infatti al quarto posto la Pedemontana Lombarda con una tariffa di 2,11 euro ogni 10 km percorsi, al quinto la Torino-Bardonecchia con 1,88 euro, la A4 Torino-Milano al settimo con 1,60 euro e l’autostrada dei Fiori A10-16 da Torino a Ventimiglia con 1,57 euro.

# Come è calcolato il pedaggio

Credits: 7giorni.info

Sulla rete autostradale italiana sono circa 6.000 km i tratti gestiti da privati e sottoposti a pedaggio. Questo costo a carico degli utenti è applicato per rientrare degli investimenti fatti e per proseguire nelle attività di manutenzione ordinaria e gestione della rete. Ogni concessionario, in totale sono 25, stabilisce delle tariffe differenti che sono determinate dai costi per la costruzione e la gestione dell’autostrada in questione e concordati tra la Società Concessionaria e l’Ente Governativo e regolati per mezzo della Concessione. In generale più le autostrade sono grandi e più i costi sono maggiori, allo stesso tempo i concessionari che gestiscono tratte più lunghe possono tenere pedaggi più bassi perché possono sfruttare le economia di scala.

La tariffa base è soggetta a incrementi in base al numero di assi e relativa manutenzione dell’arteria autostradale, e alla zona in cui è stata costruita l’autostrada: quella in pianura è più economica rispetto a quella realizzata in un’area con rilievi montuosi o con un’orografia complessa. Altre tratte dove è il pedaggio è maggiore sono quelle di nuova realizzazione e che stanno ancora ammortizzando i costi per la costruzione.

Continua la lettura con: Il PERCORSO delle AUTOSTRADE: le molte “DEVIAZIONI” per ragioni POLITICHE e CLIENTELARI

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/