Un’idea americana: trasformare gli Stati Uniti in CITTA’-STATO UNITE d’America

L’urbanista americano Nolan Gray ha ridisegnato gli Stati Uniti d’America dividendoli non per stati ma per città-stato. La sua idea è che siano le città, e il territorio circostante, a dover essere la base per ogni tipo di suddivisione amministrativa del territorio.

Qui l’articolo originale: The United City-States of America, Mapped di Nolan Gray

La mappa delle CITTA’-STATO UNITE d’America 

“Dall’antica Grecia all’Italia del Rinascimento fino alle quattro Tigri asiatiche, le città-stato hanno sempre esercitato una forza superiore alla loro dimensione. Hanno spinto la cultura in avanti, facilitato il commercio globale e agito in anticipo rispetto ai grandi stati nazionali.”

“A tutti gli effetti, le città – e le regioni metropolitane che orbitano intorno a loro – hanno senso come unità politica ed economica. I servizi chiave che dipendono dal governo, dalla costruzione di infrastrutture alla sicurezza pubblica, sono per lo più gestiti dalle città. E contrariamente alle precedenti previsioni, le forze della globalizzazione e l’aumento dell’economia dell’informazione hanno reso le città più importanti solo come motori economici e centri di innovazione. Non sorprende, quindi, che le città – e i loro sindaci – stiano facendo sentire sempre più la loro voce in un mondo precedentemente dominato da nazioni e entità internazionali.”

“Sfortunatamente, il modo in cui gli Stati Uniti sono oggi strutturati ostacola questa tendenza privilegiando gli stati come entità politica chiave. I confini degli stati in questi tempi moderni sono tipicamente arbitrari e spesso non riflettono più alcuna realtà politica, culturale o economica significativa. Alcune città degli Stati Uniti, sia grandi che piccole, riescono a scavalcare i confini statali. (…) “Ciò si traduce spesso in un’eccessiva frammentazione, in una concorrenza improduttiva e in una quasi totale mancanza di pianificazione territoriale e pianificazione dei trasporti. Tutti noi soffriamo di conseguenza.”

Fatte queste premesse, Nolan Gray “per definire una visione di quello che potrebbe sembrare degli Stati Uniti orientati alla città”, ha creato una mappa che suddivide gli Stati Uniti non sulla base dei 48 stati continentali ma in 100 città-stato.

I criteri di creazione delle città stato americane si sono basati su alcuni parametri, quali:

  • le 150 aree statistiche metropolitane (MSA) più importanti negli Stati Uniti continentali. “Questa sembrava la base naturale per qualsiasi potenziale città-stato in quanto gli MSA riflettono l’integrazione economica”;
  • successivamente, ha mescolato in aree statistiche combinate e ha tagliato la lista alle prime 100 unità per popolazione;
  • a quel punto ha assegnato ogni contea a un nucleo di città-stato creando così la mappatura.

L’analisi della mappa ha portato ad alcune considerazioni

Qui il risultato della nuova mappa delle città-stato unite d’America: Mappa

Gli Stati Uniti orientali sono come l’Europa medievale.

“A partire dal 2010, il centro della popolazione degli Stati Uniti è da qualche parte nel mezzo del Missouri. Si sta spostando verso ovest, inutile dirlo, ma anche a sud nel tempo. Gli Stati Uniti ad est della linea Kansas-Missouri sono un miscuglio dinamico di città-stato piccole e densamente popolate. Le economie e le culture di posti come New York e Filadelfia, Charlotte e Greensboro, e Fort Wayne e South Bend saranno sempre intimamente mescolate. Ad ovest di questa linea, escludendo la California e il Texas, gli Stati Uniti sono in gran parte sottopopolati, con città come Denver, Omaha e Boise che giocano un ruolo fuori misura – economicamente e culturalmente – nelle rispettive regioni”.

Il Maine e il Minnesota sono fondamentalmente già città-stato

“Solo due città-stato riescono ad occupare la totalità di uno stato degli Stati Uniti attuali: Portland, che prende tutto il Maine e parti del New Hampshire e Minneapolis-St. Paul, che prende tutto il Minnesota e parti del Wisconsin, del Sud Dakota e dei tre quarti del Nord Dakota.”

Alcuni stati scomparirebbero interamente

“Una manciata di stati in questa nuova mappa sono completamente occupati dalle città-stato dei loro ex Stati limitrofi. Delaware, Montana, New Hampshire, North Dakota, Rhode Island, South Dakota e Vermont sarebbero praticamente scomparsi. Delaware e Rhode Island hanno entrambe grandi città, Wilmington e Providence, ma entrambe saranno assorbite in modo inequivocabile dai loro monolitici vicini, rispettivamente Filadelfia e Boston. Il New Hampshire e il Vermont semplicemente non hanno grandi città”.

Le città-stato di domani possono nascere in qualsiasi momento

“Poiché stati come il Montana, il Nord Dakota e il Sud Dakota continuano a sperimentare una crescita esponenziale della popolazione, inevitabilmente daranno vita a loro grandi città. Per quanto ne sappiamo, Billings, Fargo e Sioux Falls potrebbero emergere come centrali elettriche urbane nel XXI secolo, non diversamente da quanto accaduto a Minneapolis, Denver e Salt Lake City nel 20° secolo.”

Quali potrebbero essere le implicazioni politiche di un sistema come questo?

“All’inizio, un sistema di città-stato potrebbe aiutare a realizzare economie di scala nella fornitura di servizi locali come biblioteche e parchi, risparmiando denaro dei contribuenti e migliorando la qualità del servizio.

Ma si potrebbero anche superare alcuni dei problemi da “dilemma del prigioniero” associati a politiche come l’alloggio, le scuole e i sussidi. Nel nostro attuale sistema di frammentazione municipale, è facile per le campagne NIMBY (“Not in My Back Yard”- “non nel mio giardino”) bloccare la costruzione di nuove abitazioni in aree prospere e mantenere gli studenti con reddito basso e moderato fuori dai distretti scolastici di alta qualità. Una città-stato unitaria potrebbe superare alcuni di questi problemi, prendendo una prospettiva più ampia e distribuendo con più equità gli oneri e i benefici della crescita.

Una riorganizzazione delle città-stato potrebbe anche avere profonde implicazioni per la politica nazionale. Uno degli aspetti chiave delle elezioni presidenziali del 2016 è il crescente divario politico tra città e campagna, con gli elettori nelle città e le campagne che diventano sempre più disconnessi e antagonisti l’una con l’altra. Così come uno scenario di città-stato raggrupperebbe gli americani sulla base di background economici, sociali e culturali molto simili, potrebbe incoraggiare entrambe le parti a interessarsi di bisogni e preferenze dei loro vicini”.

Qui l’articolo originale: The United City-States of America, Mapped di Nolan Gray

Uno speciale ringraziamento a Lorenzo Zucchi per la segnalazione

MILANO CITTA’ STATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT(OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 

#DistrictTour
Come In Un Bosco