MILANO nel 2035: come SARÀ la CITTÀ in uno scenario post Apocalittico (Rendering)

Saluti dal 2035: "La Milano che non vorrei"

Credits: adnkronos.com Milano 2035

Anche a Milano piace proiettarsi verso il futuro, immaginarsi come sarà tra qualche anno. Peccato che il suo scenario non sembra così appetibile. A causa dei cambiamenti climatici, Milano infatti potrebbe non essere più “la bella Milano” che tutti conoscono.

MILANO nel 2035: come SARÀ la CITTÀ in uno scenario post Apocalittico (Rendering)

# La Milano post apocalittica

Credits: cafetv24.it
Milano 2035

Milano, luglio 2035. 127 giorni senza pioggia, una temperatura media di 42°. Niente acqua e i negozi di imbottigliamento presi d’assalto, si pagherebbe oro solo per una bottiglietta da mezzo litro. I ricchi migrano verso la Scandinavia, un traffico illegale di persone per portare in salvo più italiani possibili, solo quelli che se lo possono permettere però. Luglio 2035, una Milano disperata. Non più la bella e organizzata città. Un blackout nazionale che spegne anche l’energia meneghina. Un racconto fantascientifico? Sì certo ma che non sarà molto lontano dalla realtà.


# Un podcast per sensibilizzare gli italiani sul tema dei cambiamenti climatici

Credits: adnkronos.com
Milano 2035

The Source è un podcast dedicato interamente ai cambiamenti climatici, ma raccontati in un modo particolare. Una sorta di podcast post apocalittico, dove i protagonisti sono due conduttori radiofonici che da Milano diventano l’unica fonte di informazione dello Stato. Uomini cinici e mediocri, ma che arrivati ad un punto di non ritorno iniziano a cambiare idea sul problema ambientale.

Il podcast è stato voluto e ideato dal Gruppo Cap, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano. “Volevamo raccontare uno scenario fantascientifico, ma realistico, legato ai cambiamenti climatici per dare un chiaro segnale: se non interveniamo adesso con investimenti e cultura sulle nostre risorse ambientali e idriche, lo scenario di The Source non è solo probabile ma certo” spiega il presidente e amministratore delegato di Gruppo Cap.

# La situazione è grave

Credits: vocecontrocorrente.it
cambiamenti climatici

Non c’era bisogno di un podcast per capire che la situazione è grave. Eppure a volte gli italiani e il mondo hanno gli occhi chiusi, non perché non conoscono il problema ma perché non vogliono vedere. L’Italia è il primo stato in Europa per consumo di acqua, circa 220 litri al giorno pro capite. In estate non stupiscono più i 30° all’ombra, sono diventati la normalità, ma in tanto sempre in Italia nel 2020 la temperatura è aumentata di 1,65° rispetto alla media storica. Nel mondo il 25% della popolazione vive in una condizione di stress idrico e 4 miliardi di persone abitano già in aree dove c’è siccità almeno un mese all’anno.



Cosa stiamo aspettando a intervenire? Abbiamo bisogno di un peggioramento dei dati per arrivare anche noi al punto di non ritorno?

Continua la lettura con: MILANO 2030: come sarà la città tra 10 anni

BEATRICE BARAZZETTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.