🛑 La M4 si prepara al primo VIAGGIO di PROVA

Conclusi positivamente i test, presto la M4 sarà pronta per partire

Credits: primalamartesana.it - Metro M4

Il giorno tanto atteso è quasi arrivato: la nuova linea blu M4 sta per essere inaugurata. Mancano ancora alcune autorizzazioni e piccoli controlli, ma presto sarà tutto pronto per partire.

La M4 si prepara al primo VIAGGIO di PROVA

# Il primo VIAGGIO a metà luglio

credits: giornaledisegrate.it

“Penso che dopo il 15-20 del mese (luglio) riusciremo a fare il primo viaggio” così afferma con ottimismo l’assessore alla mobilità, Marco Granelli. Questa primavera sono già state consegnate stazioni e gallerie, ora la nuova metropolitana si prepara per il suo primissimo viaggio. Il sindaco Beppe Sala si pone l’obiettivo di fare un viaggio di prova entro la fine del mese per mostrare a tutti il frutto dei lavori sulla M4.


# I test di prova si sono conclusi POSITIVAMENTE

credits: infotrasporti.com

Terminati la settimana scorsa i viaggi di prova. I vagoni della metropolitana hanno fatto avanti e indietro, da giugno fino a pochi giorni fa, su 3 delle nuove fermate (Linate, Repetti e Forlanini) per raccogliere tutti i dati e le indicazioni necessarie. Ormai l’attesa è quasi finita: a breve arriverà il via libera, quello che in termini tecnici si chiama “nulla osta di esercizio”. Granelli prosegue “I collaudi si sono conclusi in maniera positiva e finora i riscontri della commissione di sicurezza sono sempre stati positivi. I consigli e le prescrizioni che ci hanno dato sono stati seguiti, ora aspettiamo che venga rilasciato il nulla osta”.

# il gioco si fa DURO

Credits: Luigi Costanzo Fb – Collegamento aeroporto metro 4 Linate

Ora arriva la parte più difficile: valutare quando sarà possibile aprire i tornelli al pubblico. Sarà prima necessario osservare “i dati e le prospettive per il prossimo futuro del traffico aereo del city airport, che negli ultimi tempi sta dando finalmente segnali di ripresa dopo il tracollo generalizzato causato dalla pandemia.”
Entro quando, dunque, sarà tutto completato? La tratta da Linate a Forlanini è pronta, la prossima sarà Dateo, la stazione più profonda di tutte le linee metropolitane milanesi, ed entro il 2022 arriverà anche San Babila, la fermata che sta più a cuore al sindaco Sala. Entro il 2023 tutti i lavori dovrebbero essere terminati.

# Cosa ne pensano i Milanesi?

Credits: milano.repubblica.it – Metro Milano

Un sondaggio del 2015 commissionato dalla Metropolitana Milanese, prendendo un campione di 800 persone, ha rivelato che, tutto sommato, i cittadini sembrano essere soddisfatti del progetto M4. “La stragrande maggioranza dei milanesi ritiene infatti che M4 migliorerà gli spostamenti in città (lo pensa l’87% dei cittadini), ridurrà il traffico di auto (79% dei cittadini) e renderà più facile il raggiungimento degli aeroporti (88%). Elevato anche il numero di chi pensa che M4 favorirà lo sviluppo della città: oltre due terzi degli intervistati (68%) ritiene che la realizzazione di M4 porterà dare un impulso all’economia.”



A lavori conclusi, le opinioni dei milanesi rimarranno comunque positive? Beppe Severgnini scrive così sul Corriere della Sera: “I milanesi si stanno dimostrando ammirevoli e pazienti.  Se la chiusura dei lavori della M4 dovesse ritardare, per qualsiasi motivo, la città risponderebbe con durezza. Perché Milano è generosa e paziente: ma non è stupida.”

Continua a leggere con: M4: 7 CURIOSITÀ che forse non sai sulla METRO del FUTURO

SELENE MANGIAROTTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.