IKEA lancia le MINICASE fai-da-te: piccolo prezzo e realizzabili ovunque

Il nuovo progetto: una minicasa sostenibile, autosufficiente e accogliente che si può mettere ovunque

Credits: pinterest.it Minicase

Ikea, da sempre specializzata nell’ottimizzare gli spazi, ha deciso di collaborare con la società americana ESCAPE per un nuovo progetto: una minicasa sostenibile, autosufficiente e accogliente. Ikea è famosa per i suoi prodotti che possono montare tutti e anche per le minicase non è da meno, questa infatti è pronta all’uso. 17 metri quadrati a partire da circa 40 mila euro e, se la si vuole arredata (rigorosamente con mobili Ikea), va a costare poco più di 50 mila euro.

IKEA lancia le MINICASE fai-da-te: piccolo prezzo e realizzabili ovunque

# Perché vivere in minicase

Credits: it.toluna.com
Vado a vivere in mini case

Negli ultimi anni andare ad abitare in micro case è diventato uno stile di vita. Spopolato in America, dove infatti ci sono già molte famiglie che hanno abbracciato questo modo di vivere, il fenomeno si sta diffondendo sempre di più sul mercato internazionale. Le minicase sono piccoli rifugi che possono essere posti ovunque, ad esempio in mezzo al verde, in modo da godersi a pieno la natura, ma soprattutto spesso sono trasportabili. Questo significa che ci si può trasferire cambiando città, ma non cambiando casa. Un risparmio incredibile!  La scelta di comprare una mini casa è comunque molto azzardata. Significa vivere in spazi ridotti, avere la metà delle cose e dei vestiti che solitamente si ha e saper gestire gli spazi al meglio. Sarebbe sicuramente un grande cambiamento.


# Le mini case di Ikea

Credits: pinterest.it
Interno minicasa

L’Archtectural Digest ha descritto le micro case Ikea “chic, sostenibili, funzionali e convenienti”, praticamente perfette.  Grazie alla collaborazione con Escape, che da anni costruisce mini case sostenibili e trasportabili, Ikea è riuscita a creare uno spazio dove vivere piccolo, ma comodo. Le mini case sono super luminose, forse anche perché la luce gioca molto sulla percezione dello spazio, costruite con materiali interamente riciclabili e garantiscono poche emissioni. In poche parole sono un bocca sana per l’ambiente. Partendo dall’idea di un camper, la struttura è in legno di cedro e al suo interno si può trovare tutto ciò che c’è in una casa normale: un letto, un vano portaoggetti, un bagno, lavatrice, asciugatrice, cucina, scaldabagno e riscaldamento, divano pieghevole, un tavolino e prese USB.

# Una svolta anche per l’Italia?

Chissà se anche noi italiani appoggeremo questa soluzione di vita americana e ora promossa anche dalla famosa azienda Svedese. Sicuramente l’ambiente ci ringrazierà se tutti andassimo a vivere in micro case, ci sarebbe una riduzione delle emissioni enorme. Tuttavia, nel mio immaginario, sogniamo ancora un po’ tutti la villa al mare con piscina e un giardino enorme. Non dimentichiamoci però dell’importanza e dell’influenza che ha Ikea!

Continua la lettura con: Cosa sarebbe la VITA SENZA L’IKEA?

BEATRICE BARAZZETTI



Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


2 COMMENTI

  1. Che tutti possano sognare la villa con piscina e giardino è anche consentito, però pensare di costruire tante (migliaia??) microcase e poi portarle dove si vuole … beh mi pare un’idea un poco peregrina. In Italia non abbiamo glia spazi che potrebbe avere l’America.

Comments are closed.